Cosenza
 

Diritti umani, ricercatori afghani fuggiti da talebani accolti all'Unical: "Restituiamo un po' di normalità perduta"

mohibe hafizaAlcuni ricercatori afghani messi in salvo prima che i talebani prendessero il totale controllo di Kabul, sono stati accolti all'Università della Calabria.

"Dopo il 15 agosto, quando i talebani hanno preso possesso della capitale Kabul - è scritto in una nota dell'università - i riflettori si sono di nuovo accesi sull'emergenza afghana. In Italia tanti si sono mobilitati per tenere alta l'attenzione della comunità internazionale e collaborare con le istituzioni impegnate nell'accoglienza di chi stava fuggendo dall'Afghanistan. L'Unical ha preso contatti con docenti e ricercatori universitari afghani che avevano trovato ospitalità in Calabria. Messi in salvo dall'esercito italiano, in quelle convulse ore dopo la presa di Kabul, avevano lasciato nel Paese le famiglie, il proprio lavoro, i libri, i pc".

"L'impegno dell'Unical - conclude la nota - è stato ed è, quindi, quello di offrire assistenza e la possibilità di continuare i propri studi e l'attività accademica. Un modo per restituire loro, almeno in parte, la normalità perduta".