Reggio Calabria
 

Reggio, a rischio lavoratori parcheggi Ospedali Riuniti. Sul: "Azienda Traffic chiarisca se interessata a continuare a gestire il servizio"

"Abbiamo richiesto all'Azienda Ospedaliera reggina e all'Azienda Traffic un incontro per affrontare le problematiche relative al servizio di parcheggio degli Ospedali Riuniti cittadini, i cui dipendenti sono stati avvisati di licenziamento in vista della scadenza della prima parte del contratto di appalto". Lo si legge in una nota diffusa da Aldo Libri, Segretario Generale SUL Calabria.

"Il SUL sta facendo e farà quanto in suo potere per garantire la continuità del posto di lavoro per i dipendenti attualmente occupati, sia che si configuri l'applicazione della proroga all'attuale gestore, prevista dal bando di gara o che si provveda ad un nuovo bando che assegni ad altra azienda la gestione del prezioso servizio di custodia e parcheggio.
Riteniamo confortante l'esito della riunione odierna, pur dovendo rilevare, con rammarico, l'assenza dell'Azienda Traffic che ha dichiarato di essere impegnata fuori Calabria in altre attività aziendali.
La delegazione dell'Azienda Ospedaliera, composta dal Direttore Sanitario dott. Galletta, dal dirigente dell'Economato Avv. Rabotti e dall'ing. Fera responsabile del Servizio Tecnico, ha comunicato la propria volontà di contribuire a tutelare gli attuali posti di lavoro e, possibilmente, ad implementarli, di essere disponibili a proporre una rivisitazione del bando di gara assieme alla proroga già prevista per adeguare il servizio alle esigenze dei cittadini e degli operatori e di essere in attesa di un progetto esecutivo dell'azienda per concordare e calibrare gli interventi operativi per il miglior funzionamento del servizio e per il suo possibile ampliamento.
Restiamo in attesa di una risposta certa e inequivocabile dell'Azienda Traffic, per comprendere se sia interessata a continuare nella gestione del servizio o se intenda tirarsene fuori. Qualora il servizio non fosse più nell'interesse dell'attuale gestore, sarebbe il caso che sia il SUL, sindacato che rappresenta la totalità dei dipendenti, che l'Azienda Ospedaliera, che ha l'incombenza di assegnare il servizio e sorvegliarne la giusta attuazione, siano messi tempestivamente in condizione di lavorare ad alternative. Ribadiamo che l'interesse unico del SUL è che i lavoratori possano avere continuità nella prestazione lavorativa e che non vogliamo entrare nel merito dei rapporti fra stazioni appaltanti e aziende aggiudicatarie. Tutto ciò premesso, riteniamo di grande importanza la disponibilità espressa dai vertici dell'Azienda Ospedaliera e pensiamo che possa essere un elemento determinante per trovare una soluzione rapida, legittima e ragionevole".