Reggio Calabria
 

Caterina Belcastro: “Vivremo quattro diverse forme di KTF”

La XX edizione del Kaulonia Tarantella Festival ripropone la formula di successo inaugurata lo scorso anno con la fusione dei concerti di musica etno-popolare ad appuntamenti dal taglio più squisitamente culturale.

La kermesse, che godrà anche per il ventennale del finanziamento triennale concesso dalla Regione Calabria, porrà anche quest'anno al centro del suo programma la tarantella calabrese, non limitandosi solo ad aggiornare un programma consolidato e dal sicuro successo, ma coinvolgendo per l'occasione chi ha contribuito a fare la storia di questo Festival.

«I venti anni di questa kermesse si sono snodati attraverso un percorso intenso e a volte anche travagliato - ci racconta il sindaco di Caulonia Caterina Belcastro. - In questo lasso di tempo la manifestazione è stata guidata da enti e persone che ne hanno definito e delineato il percorso artistico e strutturale, fino ad arrivare alla direzione artistica dell'edizione dello scorso anno, targata Mimmo Cavallaro.

«Proprio parlando con lo stesso Mimmo in merito a come sviluppare questa specialissima edizione 2018, e con Carlo Frascà, consulente artistico, abbiamo ritenuto opportuno e corretto, in concomitanza con il ventennale, riconoscere il ruolo avuto da ognuno dei direttori artistici che hanno fatto la storia di questa kermesse, rimettendo in gioco "artisticamente" tutti coloro i quali ne hanno tracciato il percorso. Il risultato sono quattro serate-evento affidate all'immaginazione artistica dei quattro soggetti storici che, in ordine cronologico, hanno segnato la vita di questa manifestazione.

«Mi riferisco a Danilo Gatto e Antonio Critelli che, alla guida di ARPA, faranno salire sul palco di Piazza Mese la sera del 22 agosto la loro Orchestra Popolare Calabrese insieme al musicista spagnolo di fama internazionale Hevia e al gruppo di musicisti magrebini Quantara; a Paolo Dossena e alla sua CNI, che per il 23 agosto ha puntato tutto sul gruppo musicale siciliano di genere folk-ambient Agricantus e sulla partecipazione straordinaria di un sassofonista jazz di fama mondiale: Francesco Cafiso con i Magnifici 3; a Eugenio Bennato, che il 24 agosto si esibirà con l'artista folk reggino Mujura e il quartetto vocale da lui stesso fondato: Sponda Sud; a Mimmo Cavallaro, che dopo la sperimentazione con il Trio Mandili dello scorso anno, il 25 agosto sarà accompagnato dinanzi al popolo della tarantella ancora da un gruppo vocale emblema della musica sarda: i Tenores di Bitti, preceduto dal gruppo londinese dei Tamburi Taiko, del maestro giapponese Joji Hirota.

«Ognuno di questi grandi artisti ha curato la rispettiva serata con il comune spirito di far rendere al meglio artisticamente, culturalmente e spettacolarmente questa speciale edizione del Festival, creando un programma composto da quattro serate in grado di esprimere altrettante visioni diverse dello stesso oggetto culturale: il Kaulonia Tarantella Festival.

«Insomma - conclude il sindaco Belcastro - questi venti anni costituiscono un punto di arrivo, ma ancor più un importante punto di partenza per una crescita di questa manifestazione che non si limiti a riproporne sterilmente i punti forza ma, grazie a una maturazione artistica e sociale continua, possa farla ergere a pieno titolo a punto di riferimento del panorama nazionale, e, perché no, internazionale, della musica e della cultura etnica, che tanto ruolo hanno nella definizione dell'identità del nostro popolo.»