Reggio Calabria
 

Salvini e la lotta alla 'ndrangheta: "In Calabria triplicati gli arresti"

salvinisanluca"Sono orgoglioso che in questa terra si siano triplicati gli arresti, finalmente potremo iniziare rivoluzione che tagliera' il legame fra questa terra e la 'ndrangheta, dal punto di vista di una giornata normale sarebbe una ottima giornata". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, in conferenza stampa a San Luca. "Mettero' nella modifica legislativa anche la possibilita' di vendere i beni che non vengono utilizzati". Cosi' il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, parlando a San Luca dei beni confiscati alle mafie. Salvini ha poi risposto a una domanda sulle critiche rivolte al governo dal sindaco di Barcellona, nei giorni scorsi a Riace: "Il sindaco di Barcellona faccia il sindaco di Barcellona, della Calabria ci occupiamo noi. Mi tocca men che zero. Poi su Riace dissi che e' una splendida citta' che puo' vivere anche al di la' del fenomeno migratorio, poi mi stupisce che il sindaco di Barcellona venga a criticare il governo. L'antimafia nel piccolo qui si combatte coi fatti, agli altri lasciamo i fotoromanzi".

Nell'ultimo anno gli sbarchi di migranti nel nostro Paese sono diminuiti del 76,6%, passando da 182.877 a 42.700. É il dato fornito dal Ministero dell'Interno a margine della riunione a San Luca del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal ministro Matteo Salvini. "Solo negli ultimi due mesi - ha detto Salvini - ci sono stati 31 mila sbarchi in meno. Sono diminuite anche le domande di asilo politico accolte, a dimostrazione che la maggior parte delle persone che avanzano richieste in tal senso non scappano da nessuna guerra".

Sono state 108 nell'ultimo anno le espulsioni per terrorismo internazionale, due delle quali riguardano imam. É quanto é emerso dalla riunione del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica svoltasi a San Luca sotto la presidenza del Ministro dell'Interno Matteo Salvini. Quarantatre, secondo gli stessi dati, sono stati gli estremisti che sono stati arrestati, mentre 35 sono stati foreign fighters monitorati.

Sono stati 319 gli omicidi, 30 dei quali attribuibili alla criminalità organizzata, avvenuti nell'ultimo anno nel nostro Paese, in calo rispetto ai 371 registrati lo scorso anno. É il dato che emerge dal report reso noto dal Viminale in occasione della riunione a San Luca del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal ministro Salvini. I delitti, in generale, sono diminuiti da due milioni e 453 mila a due milioni e 240 mila. In calo, in particolare, le rapine ed i furti, passati, rispettivamente, da 31 mila e 904 a 28 mila e 390 e da un milione e 302 mila a un milione e 189 mila.