Reggio Calabria
 

Accoglienza a colori: i rifugiati e richiedenti asilo del progetto Sprar "Approdi Mediterranei" realizzano due murales a Villa San Giovanni e a Reggio Calabria

Continuano alacremente le attività volte alla socializzazione ed integrazione dei beneficiari ospiti del Progetto Sprar "Approdi Mediterranei" del Comune di Villa San Giovanni, gestito dall'Arci Provinciale di Reggio Calabria.

I beneficiari, coadiuvati dall'artista italo venezuelana Sara Fratini dell'associazione La Guarimba e dei volontari del CSC Nuvola Rossa, saranno infatti coinvolti dal 24 al 26 luglio, in un percorso formativo di carattere artistico finalizzato all'allestimento di due murales che verranno realizzati rispettivamente il 24 luglio presso il Parco Robinson di Villa San Giovanni ed il 25 ed il 26 luglio 2018 presso il Parco Botteghelle "Federica Cacozza" di Reggio Calabria.

L'attività laboratoriale si inserisce in un virtuoso processo di riqualificazione dei parchi pubblici ed il miglioramento del decoro urbano e del verde cittadino avviato da tempo da parte dall'amministrazione comunale villese, ed in particolare dal Vicesindaco Maria Grazia Richichi, e realizzato con il sostegno e l'aiuto di cittadini volontari, delle associazioni del territorio e la partecipazione attiva dei rifugiati e richiedenti asilo politico.

Tale iniziativa ha trovato inoltre fattivo sostegno nell'amministrazione comunale di Reggio Calabria, nelle persone del sindaco Giuseppe Falcomatà e dell'Assessore con delega alla valorizzazione del patrimonio storico-artistico Irene Calabrò.
Attraverso la street art, i beneficiari del Progetto Sprar "Approdi Mediterranei", contribuendo al rinnovamento dei luoghi pubblici e parchi gioco dedicati ai più piccoli ed alle rispettive famiglie, avranno anche l'opportunità di incontrare i cittadini offrendo la possibilità di conoscersi, di condividere la propria cultura ed il proprio paese d'origine. Un'ulteriore occasione inoltre per ribadire la peculiarità di un modello, promosso dall'Arci di Reggio Calabria, che va oltre la semplice accoglienza materiale ma che pone al centro del percorso di inclusione valori ed iniziative volte alla cittadinanza attiva, alla partecipazione civica ed all'impegno concreto per migliorare il territorio.

I cittadini, che vorranno contribuire alla realizzazione dei murales, sono invitati a prender parte al cantiere pubblico che verrà allestito, nei giorni precedentemente richiamati, dalle ore 10 in poi, in entrambi i parchi. Al termine dei lavori verranno calendarizzati due distinti eventi di inaugurazione a cui prenderanno parte le autorità politiche ed istituzionali nonché le associazioni del territorio.