Reggio Calabria
 

Carenza idrica a Cittanova, FDI attacca l'Amministrazione: "Sistema consolidato di abusivismo e morosità"

Fratelli d'Italia a Cittanova, nella consueta riunione settimanale, torna sull'annosa questione della
carenza idrica che attanaglia la cittadina, oramai da diversi anni, nel corso del periodo estivo. Sono
duri i toni del partito di destra nei confronti dell'amministrazione comunale. «Sono passati quattro
anni di questa compagine amministrativa ‐ scrivono in una nota ‐ e con essi sono trascorse quattro
stagioni estive, che saranno ricordate dai cittanovesi per aver dovuto convivere con la notevole
riduzione dell'erogazione dell'acqua dai rubinetti delle proprie abitazioni».
Nel comunicato stampa, che prende spunto da un manifesto affisso in città, gli iscritti e simpatizzanti
del partito della Meloni parlano di «disagi per i cittadini che ogni anno dai nostri amministratori
vengono giustificati con le solite scuse che anno per anno sono sempre uguali: "l'inverno non è stato
piovoso; la falda acquifera si è abbassata; abbiamo delle perdite lungo la condotta; le pompe
dell'acqua hanno avuto un guasta"». FdI punta il dito sugli amministratori e su un "sistema"
consolidato di inefficienza. «La verità ‐ si legge nel documento ‐ è che probabilmente vige un sistema
consolidato di abusivismo e morosità, sul quale le amministrazioni non vogliono incidere temendo
riflessi negativisulle consultazioni amministrative». Quelli di FdIspiegano che «l'unica eccezione alle
perdite risulterebbe essere il "colosso" Sorical a cui tutti i comuni, tra i quali Cittanova, debbono
pietire per avere l'acqua, chiaramente pagando». Gli esponenti della destra cittanovese puntano il
dito sull'incapacità di programmare.

«Eppure ‐ rimarcano ‐ per ripristinare il sistema idrico ed
eventualmente risanare il "bilancio idrico", probabilmente in negativo, avrebbero potuto
programmare e attingere a degli investimenti per il potenziamento e la manutenzione straordinaria
della rete idrica. E invece nulla!». Per FdI a Cittanova «emerge un quadro di inerzia degli
amministratori su questa tematica, ma anche in tante altre, come ad esempio nel piano triennale e
nel piano annuale delle opere pubbliche, dove nulla è programmato in merito». Il partito di destra,
infine, chiosa sperando ironicamente in un cambio di rotta da parte della giunta di centrosinistra.
«Non possiamo non sottolineare ‐ concludono ‐ come le perdite dal sistema idrico evidenzino lo
stato fallimentare della gestione amministrativa. È proprio vero questa amministrazione fa acqua da
tutte le parti!»