Reggio Calabria
 

Bergamotto di Reggio Calabria, grande successo per l'evento organizzato dall'associazione "Bene Sociale"

Grandissimo successo ieri per il convegno organizzato dall'associazione Bene Sociale con la presidente Bruna Siviglia "Sulle mille proprietà salutistiche del Bergamotto di Reggio Calabria e le ricadute economiche ed occupazionali sul territorio". Tenutosi nella splendida cornice di Palazzo Alvaro con una sala gremita e la presenza di numerose personalità ,l'incontro ha visto l'intervento di relatori di rilievo moderati dalla dottoressa Jose Marrara . Saluti istituzionali del consigliere della città metropolitana #FilippoQuartuccio e e esposizione molto fluida del presidente del consorzio Ezio Pizzi sull'impatto socio economico del territorio derivante dallo sviluppo del settore e della filiera, sottolineato anche dal presidente della Camera di commercio Ninni Tramontana . A seguire interessantissimo studio presentato dal Prof Franco Romeo direttore del dipartimento di cardiologia di Tor Vergata e dal collega dott Vincenzo Montemurro del presidio "Scillesi d'America di Scilla" .I due luminari hanno potuto illustrare i benefici salutistici dell'agrume , il cui consumo, dato elevatissimo contenuto di polifenoli , contribuisce notevolmente alla riduzione del colesterolo abbassando quindi i casi di malattie cardiovascolari. Bellissimo intervento del professor Pasquale Amato sostenitore storico del bergamotto di Reggio Calabria e infine saluto dello chef Filippo Cogliandro che ha sottolineato l'utilizzo del prodigioso agrume per la realizzazione dei piatti del territorio nel suo ristorante chiamando vicino a se anche il maestro gelatiere Dave Destefano anche lui promotore della diffusione del principe mondiale degli agrumi , che dopo il grande successo alla mostra internazionale del gelato di Longarone vedrà un palcoscenico internazionale in occasione del Salone Internazionale della pasticceria e gelateria di Rimini con diversi show cooking insieme ai gelatieri calabresi Gaetano Vincenzi Monteleone Pasquale e Domenico Penna.
I reggini rispolverano quindi finalmente la propria identità riuscendo a proporre le proprie eccellenze ognuno grazie alle proprie competenze perché alla fine solo UNITISIVINCESEMPRE.