Reggio Calabria
 

Reggio, domenica Valentina Oliveri & Francesco Cuteri in Salotto

Una Cuciniera e un Archeologo, insieme, nel salotto di Casa Canale, in un pomeriggio domenicale di fine autunno, cosa mai potranno avere in comune? Forse l'amore per la Calabria, ma anche la passione per la scoperta e la ri-scoperta, la voglia di raccontarsi e di raccontare la loro visione del mondo, il rapporto con il passato e con chi ci ha preceduto calpestando la stessa terra che abbiamo noi sotto i piedi. Abbiamo chiamato questo incontro "Seminario Sensoriale" perchè le parole non saranno le sole protagoniste, anche i sensi saranno chiamati in causa grazie a piccoli assaggi di archeopiatti che Valentina preparerà per i partecipanti mentre Francesco invocherà la benedizione del Drago di Kaulon.

Parleremo di Cucina e Calabria e soprattutto di Donne, di come il lato femminile di questa terra sia capace di tramandare la cultura di un popolo attraverso il cibo, le polpette o il macco di fave, di quanto amore profondo e viscerale sia contenuto nella frase "Hai mangiato?", di quanto sia difficile amare e odiare allo stesso tempo questa terra in cui viviamo. L'archeologo Francesco Cuteri è ben conosciuto per gli anni di scavi e di impegno per la valorizzazione e la tutela del sito archeologico di Kaulon (Monasterace, RC) e per la recente scoperta dei bellissimi mosaici di un impianto termale, "un tappeto circolare seguito da oltre 20 mq di mosaico in pannelli quadrati e rettangolari raffigurante un drago con sfumature cromatiche di incredibile bellezza dove l'uso del cromatismo, i materiali, tutto da' luogo ad una sinfonia di colori incredibile" (F.Cuteri, Intervista su Fame di Sud, 3/01/2014). Valentina Oliveri, oltre ad aver scritto un bellissimo libro di ricette e panorami calabresi, "Calabria in cucina", edito da SimeBooks, è una "Cuciniera", una donna appassionata e visionaria che ritrova nel cibo e nel cucinare l'identità di un popolo e il suo legame con la famiglia, passata, presente e futura, e la terra: "Mangiare significa nutrirsi del mondo, perciò mi viene facile pensare che conoscere i fondamenti del cibo significhi conoscere i fondamenti del mondo. Anzi il cibo è il primo atto della relazione con il mondo, che è sempre, all'inizio, madre e corpo di madre. Ed è dolce il nostro primo ingresso del mondo dentro di noi: ha il dolce estremo del latte materno. Nutrirsi significa essere legati al territorio ed alla natura, è per via della bocca che siamo saldamente parte del mondo ed il mondo è dentro di noi" (V.Oliveri, dal suo blog lelibelinde). L'appuntamento è quindi per domenica 26 novembre alle ore 18:00 a Casa Canale. Per prenotazioni inviare una email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .