Fronte del Palco
 

Catanzaro celebra Elvis con il musical al Politeama e con alcune rarità al Museo del Rock

C'è anche un pezzo di Elvis nel museo del rock di Catanzaro. Domani, sabato 24 febbraio, al Politeama è di scena il musical ispirato alla vita del leggendario artista che ha segnato la storia della musica mondiale. Ma per i fans di Elvis (ci sono più di 100 fanclub in Italia) l'occasione è irripetibile per scoprire al secondo piano della struttura di via Turco alcuni cimeli originali, tra cui cinque "45 giri", un raro "33 giri" e perfino un drappo originale di una delle mitiche giacche dell'idolo.
Quella di Elvis Presley è la figura della musica moderna che ha segnato più profondamente arte, musica e stile di ogni epoca successiva. Le canzoni di un'icona assoluta e indimenticabile rivivono in "Elvis, the musical", il prossimo spettacolo del cartellone del Teatro Politeama di Catanzaro che andrà in scena sabato 24 febbraio. L'Italia ama Elvis più di ogni altro Paese: conta più di 100 fan club e, malgrado ciò, un musical a lui dedicato non è mai stato scritto fino ad ora. Elvis the Musical è uno spettacolo incalzante e ritmato, all'insegna degli indimenticabili successi di Presley a partire dagli anni 50 fino al 1977, quando la leggenda scomparve. La regia dello spettacolo, riprodotto in Italia, è affidata a Maurizio Colombi, già regista pluripremiato, con all'attivo altri numerosi successi come "We Will Rock You" dei Queen, "Peter Pan" con musiche di Edoardo Bennato, "Rapunzel" e "La Regina di ghiaccio" con Lorella Cuccarini. Colombi è considerato alfiere dei family-show in Italia e questa volta ha voluto raccontare la fiaba di Elvis, un ragazzo che diventa re, anche se si tratta di una fiaba con un finale triste, forse perché testimonia una vita reale seppur incredibile. Lo spettacolo, attraverso le canzoni di Elvis e il racconto di vari personaggi che hanno vissuto intorno a lui, svela i retroscena di una vita consacrata alla musica e sacrificata allo show-business. La tragica morte di Elvis ridusse in lacrime e disperazione in milioni di persone in tutto il mondo, fan adoranti che lo amavano e continuano ad amarlo stregati da un carisma fatto di fascino, ribellione, dolcezza e sfrontatezza che attraversa i decenni con la stessa forza dirompente dalla quale è nato.
Lo spettacolo è suonato da una band che accompagna dal vivo, per poco meno di due ore, un cast di 18 performer, attraverso un periodo storico di oltre quattro generazioni fino agli anni 70, i più significativi per la musica. La scenografia è arricchita da video che permettono di ripercorrere, come fosse attuale, l'esperienza unica della tragedia umana e del successo incontenibile vissuti della più grande star di tutti i tempi. Canzoni come Jailhouse Rock, It's now or never, Suspicious Mind, My Way, That's all right mama, Always on my mind e le tante altre indimenticabili colonne sonore di un'epoca lunga quattro decenni e ancora viva e contemporanea accompagneranno il pubblico dello spettacolo, che non potrà fare a meno di appassionarsi alla storia e ai suoi protagonisti.