Firme
 

Il giudice e l'ergastolano di Platì

imposimatoferdinandomovimento5stelledi Gianpaolo Catanzariti* - La morte del giudice Imposimato, ex parlamentare PDS poi staccatosi per partecipare alla formazione dei Socialisti Democratici Italiani (in quella occasione lo conobbi, proprio a Reggio Calabria) quindi candidato Presidente dei 5S, ancora una volta mi induce ad una riflessione su quanto il regime storiografico e giornalistico sia intriso di giustizialismo e su quanto, per passare quale eroe anche postumo, sia necessario cancellare ogni pericoloso sbandamento da un cursus honorum "antimafia", specie se si tratta di sbandamento garantista.
Tutti, oggi, ne parlano come di un integerrimo magistrato, impegnato nella lotta alla mafia, al terrorismo, alla corruzione e ai misteri d'Italia e Imposimato lo era. Come era stato parlamentare di chiara onestà intellettuale al punto da assumere posizioni "contro-corrente", in epoca di Mani Pulite, a difesa di Bettino Craxi e contro l'allora pool milanese in occasione della mancata autorizzazione a procedere o quando esortò Achille Occhetto a dire tutta le verità sul finanziamento soprattutto sommerso di cui godette il PCI e i suoi successori.
La maggior parte dei giornalisti, però, dimentica, oggi, un'altra pagina di onestà e coraggio di Ferdinando Imposimato allorquando manifestò pubblicamente, negli anni '90 (a partire dal massimo palcoscenico televisivo di allora, il Maurizio Costanzo Show) roso dai morsi della coscienza, la convinzione dell'innocenza di un uomo che aveva rinviato a giudizio, quale giudice istruttore dell'epoca, convinto che il processo avrebbe dipanato alcune ombre indiziarie. Quell'uomo era di Platì, Domenico Papalia, che si trovava condannato all'ergastolo per l'omicidio di un altro calabrese, Antonio D'Agostino, figlio dell'ex sindaco comunista di Canolo, Nicola D'Agostino.


Fu intrapresa una iniziativa a sostegno della grazia per Domenico Papalia, all'indomani di un enorme gesto d'amore e d'altruismo da parte dell'ergastolano di Platì. Era avvenuto che l'ergastolano calabrese aveva prestato il consenso alla donazione degli organi dell'unico figlio maschio, Pasqualino, colpito a morte da un proiettile rimbalzato sulla campana della chiesa di Platì la notte di Capodanno del 1993. Un nobile gesto avvenuto anzitempo rispetto a quello del povero bimbo americano Nicholas Green. Ovviamente in pochi ricordano la donazione platiese perché il gesto d'amore di uno 'ndranghetista non merita memoria.
Imposimato sostenne quell'iniziativa assieme a mio padre, al giornalista Totò Delfino, all'allora sindaco Franco Mittiga e altri.
Ricordo che anche Saverio Zavettierii, da deputato del Psi, avanzò una interrogazione all'allora Ministro della Giustizia Claudio Martelli per perorarne la causa.
Questo impegno di Imposimato in favore di uno ndranghetista, però, non poteva essere accettato. Iniziò una contro-offensiva. Non andava proprio giù ai magistrati milanesi che stavano, in quegli anni, procedendo nei confronti dei platiesi trapiantati a Milano con un'operazione giudiziaria denominata "Nord-Sud". I vertici della Procura milanese si affrettarono a chiamarlo rassicurandolo che non avrebbe dovuto sentirsi in colpa perché aveva visto bene, aveva fatto il "suo dovere" nel rinviarlo a processo. Ovviamente, oltre alle rassicurazioni, il sospetto di "intelligenza col nemico" cominciò ad emergere. In un provvedimento giudiziario, un Gip milanese si espresse duramente verso Imposimato, autore "di una campagna insistente e ossessiva, finalizzata a caldeggiare la concessione della grazia a Domenico Papalia", con "una vera arringa difensiva", "un'agghiacciante propaganda in favore di Domenico Papalia". Imposimato, secondo il giudice, "è stato utilizzato da scaltri manovratori, senza contare il suo preoccupante, se vera l'ipotesi, non potersi tirare indietro da pressioni o minacce provenienti da ambienti non certo di frati trappisti". L'idea che si fanno alla procura di Milano è che l'ex magistrato sia oggetto di pressioni, di minacce, forse di ricatti. La possibile connivenza rimane sotto-traccia. Imposimato si indigna, ritiene inaccettabile che si possa ritenere condizionabile uno come lui che, da magistrato, subì l'assassinio, da parte della camorra, di un fratello sindacalista. Rilancia al punto da mostrarsi in pubblico con la figlia di Papalia per sottolineare come la perizia balistica era del tutto incerta e dimostrava che Papalia non poteva essere considerato esecutore materiale come avvenne in sentenza. Alcuni mesi fa, la Corte di Appello di Perugia, con una nuova e accurata perizia balistica e dichiarazione di un altro collaboratore, a distanza di oltre venticinque anni da quell'iniziativa, ha cancellato l'ergastolo a Domenico Papalia per l'omicidio di Totò D'Agostino, ritenendo, così come aveva sempre sostenuto Imposimato, nonostante pentiti e magistrati avessero messo in dubbio la sua onestà intellettuale, che l'ergastolano di Platì non avrebbe potuto essere l'esecutore materiale.
Non è poi così strano che su alcuni episodi significativi si possa omettere ogni ricordo. In epoca di fake news, al Sud, in Calabria, terra criminale, si aggiungono le "fake memories"

*Avvocato