Cosenza
 

Cosenza

Il 25 settembre presentazione delle opere prodotte durante la residenza BoCs Art

Martedì 25 settembre 2018, ore 18.00-21.00

Viale George Norman Douglas (Lungfiume Crati) – Cosenza

Il 25 settembre 2018 si conclude la III sessione della residenza BoCs Art, in cui saranno visibili le opere prodotte dai 14 artisti invitati da Giacinto Di Pietrantonio e Giovanni Viceconte.

Sono artisti di provenienza e generazione diversa che mostrano nel loro lavoro una particolare attenzione al disegno e alla parola, mezzi di espressione che rappresentano le più elementari e originarie forme di linguaggio. Una scelta fatta con l'intento di creare un dialogo con il Festival del Fumetto che si svolge ogni anno a Cosenza. Inoltre, conferma come negli ultimi anni sempre più artisti sono attenti a questo tipo di arte, tanto che alcuni di loro operano nei due campi espressivi: arte del fumetto e pura arte visiva.

Rebecca Agnes propone attraverso l'antica tecnica del ricamo su stoffa un diario antologico di segni delle persone incontrate durante la residenza, al contrario Giulio Alvigini si confronta con le possibilità creative offerte dalle nuove tecnologie digitali.

L'artista Karin Andersen propone una serie di sculture e fotografie in cui la diversità antropomorfa può rivelarsi un'opportunità di arricchimento.Anchel'antropomorfismo favolistico donna-animale presente nei disegni di Cristina Gardumi ci conduce nel mondo delle meraviglie e della sessualità.

Gabriele Arruzzo presenta una pittura ispirata alla filosofia teologica del monaco calabrese Gioacchino da Fiore, mentre Marco Pace espone un lavoro figurativo e performativo dedicato al poeta cosentino, scomparso, Angelo Fasano, nel tentativo di evocare l'intensità e l'habitat identitario dell'essere. Alla cultura calabrese guardano Sabrina D'Alessandro con un lavoro evento-performativo legato al dialetto/lingua impiegando parole dimenticate, l'opera pittorica di Francesco Fusi, in cui rivivono personaggi arbëreshë, da secoli presenti nel territorio cosentino, e il disegno-scultura di Elisa Mossa con due figure femminili di donne che salutano immerse in un grande bosco.

Il rito di passaggio da mondi differenti accompagna le espressioni di Luca Matti in cui il rapporto tra l'uomo e la città viene raccontato in modo ossessivo tramite disegni e pittura in bianco e nero. Il disegno puro, ma nella sua forma animata è impiegato anche da Danilo Sciorilli per realizzare un'opera video, in cui il momento iniziale che precede l'azione dell'atleta crea un senso di attesa che lascia immaginare il seguito del combattimento.

Il fumetto come modalità di espressione dell'arte è il campo di lavoro di Dario Guccio, che ci presenta una serie di personaggi e gesti di scambi di energia, mentre l'opera-fumetto di Marco Pio Mucci racconta momenti di tenera umanità famigliare del padrino Don Vito Corleone.

Infine Gabriele Picco si confronta con la scultura utilizzando materiali del territorio che rivestiti d'oro, sottolineano l'importanza e la preziosità delle risorse presenti in Calabria.

Castrovillari: si rinnova la devozione per i SS. Medici Cosma e Damiano

E' stato avviato lunedì 17 settembre, presso la Cappella Vigna, vicino al Polisportivo di Castrovillari, il programma delle celebrazioni in onore dei SS. Medici Cosma e Damiano, organizzato dall'omonima Associazione culturale con il patrocinio del Comune.

Lo rende noto il presidente dell' Associazione, Carmine Sancineto, ricordando che "questo prevede le cerimonie religiose in rito greco – bizantino- dalle ore 17- in collaborazione con il parroco degli italo – arbereshe di Castrovillari, Padre Marius Barbàt, oltre a momenti di festa. La messa solenne verrà celebrata il 26 settembre alle ore 18."

Gli eventi civili prevedono martedì 25, dalle ore 18,30, grazie al forno "Orlando" e al Centro Sociale Anziani "L'Amicizia", un momento di degustazione dal titolo "mangiamuni i vecchiaredde di Santi Medici"; invece, dalle ore 21,30 le performance musicali dei "Castrum Sound" per godere delle sonorità etno-popolari e coinvolgersi nei ritmi della tradizione, legati alla identità.

Mercoledì 26 settembre, dopo le estrazioni della riffa intorno alle ore 21,30, seguirà, alle ore 21,45, grazie al patrocinio della Regione Calabria-Assessorato al Turismo e Spettacolo- ed alla organizzazione dell'Agenzia Sinfony & Sinfony di Benedetto Castriota, il concerto Live della brava "Irene Fornaciari" in tour. Figlia del cantante Zucchero, inizia la carriera prendendo parte nel 1998 all'album Bluesugar del padre; partecipa al Festival di Sanremo nel 2010,2011,2012 e 2016. Diverse le collaborazioni con artisti, presenze a grandi eventi, in trasmissioni televisive e realizzazione di prodotti discografici.

La piccola chiesetta, poi, dove si celebra annualmente la ricorrenza, e oggi gli 83 dalla sua fondazione, fu realizzata da Antonio Vigna e dalla Moglie Rosalia Stabile nel 1935. Per continuare l'opera d'ampliamento della Cappella, nel 1986, l'indimenticabile Cosimo Vigna(di cui oggi si ricordano i 10 anni dalla scomparsa), storico corrispondente della Gazzetta del Sud, realizzò l'adeguamento in maniera tale che questo potesse accogliere più fedeli. Nel 1991 iniziarono le celebrazioni in rito greco – bizantino per volontà di un comitato italo - arbereshe e con l'approvazione dei Vescovi della Diocesi di Cassano allo Jonio e dell'Eparchia di Lungro.

San Marco Argentano: il 23 settembre l'evento "Padre Pio e la Valle dell'Esaro"

Cinquant'anni fa ci lasciava una delle figure più carismatiche del '900, San Pio di Pietrelcina, al secolo Francesco Forgione. Il frate cappuccino, diventato santo nel 1999, ha vissuto a San Giovanni rotondo, ed in vita ha avuto numerosi estimatori e fedeli che lo raggiungevano da ogni parte del mondo. Una figura mediatica che resiste al tempo e che rimane sempre attuale. Per queste motivazioni domenica 23 settembre alle ore 18:30 presso il Chiostro di Sant'Antonio in piazza Riforma a San Marco Argentano si terrà un evento dal titolo "Padre Pio e la Valle dell'Esaro", una raccolta di testimonianze di persone legate al Santo. Dopo i saluti di Angela Petrasso, assessore del comune di San Marco Argentano e Tiziana Anna Marino, presidente dell'associazione Noi con Voi, interverranno Celestino Capano, Michele Argondizzo, Antonio Modaffari, Teresa Ferrato, don Paolo Viggiano. Modera Orietta Scarpelli, presidente dell'associazione Scori. L'evento sarà trasmesso in diretta su radioscalosanmarco.net. Orgoglioso ed emozionato l'organizzatore dell'evento Antonio Parise, presidente regionale dei donatori di sangue Fidas Calabria «Padre Pio teneva molto ai donatori di sangue, infatti faceva spesso appelli a donare il sangue in favore dei pazienti dell'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, da lui fondato».

Si conclude a Cosenza la nona edizione della Settimana della cultura calabrese

Si concluderà a Cosenza, da venerdì 21 a lunedì 24 settembre 2018, la terza parte della Settimana della cultura calabrese, che quest'anno si è svolta in modo itinerante per 12 giorni, dal Pollino alla Sila, per terminare nella città dei Bruzi. Tante le attività svolte, tutte per ricordare il grande contributo dato dai due sacerdoti don Carlo De Cardona e don Luigi Nicoletti, figure valoriali del cattolicesimo sociale e democratico calabrese.

In una nota alla stampa, il patron della manifestazione, l'editore cosentino Demetrio Guzzardi ha detto: «Non è stato facile lasciare la location di Camigliatello Silano, dove 9 anni fa abbiamo iniziato questa grande avventura, ma i personaggi ricordati meritavano anche questo sacrificio. Abbiamo incontrato tanta simpatia verso la nostra iniziativa e siamo certi che anche le giornate cosentine serviranno per far conoscere meglio De Cardona e Nicoletti. Sono grato a chi ha collaborato per la riuscita ed un ringraziamento particolare ai vescovi che hanno accolto il nostro invito: mons. Savino per Morano, mons. Bonanno per San Giovanni in Fiore e mons. Nolè per Cosenza».

Il programma predisposto per le giornate cosentine prevede mostre, presentazioni di libri, incontri con gli autori, passeggiate, un mini corso di grafologia e lo "sfogliare assieme", con chi lo desidera alla Biblioteca Civica di Cosenza, i giornali decardoniani dei primi anni del Novecento.

VENERDI 21 SETTEMBRE 2018

Ore 11.30 - COSENZA - BIBLIOTECA NAZIONALE - Sala rari e di pregio «Maria Greco»

Inaugurazione mostra bibliografica La Rerum novarum in Calabria a cura di Annamaria Santoro, responsabile fondi antichi Biblioteca Nazionale di Cosenza; presiede Rita Fiordalisi, direttore Biblioteca Nazionale di Cosenza. (La mostra bibliografica alla Biblioteca Nazionale di Cosenza resterà aperta fino a venerdì 28 settembre 2018, con i seguenti orari: 10-13; 15-18.

Per visite guidate tel.: 0984 72509).

Ore 18.30 - COMMENDA DI RENDE - Sala «De Cardona» - BCC Mediocrati

• Inaugurazione e visita guidata alla mostra Don Carlo De Cardona pioniere dell'apostolato sociale dei contadini e artigiani calabresi, a cura di Demetrio Guzzardi, rettore Universitas Vivariensis.

• Presentazione del primo numero del quaderno: Studi e Ricerche su don Carlo De Cardona, Editoriale Progetto 2000. Intervengono: Nicola Paldino, presidente BCC Mediocrati; Maria Locanto, Centro studi calabrese «Cattolici socialità politica»; Romilio Iusi e Antonio Acri, membri della Commissione storica per la Causa di beatificazione di don Carlo De Cardona. Conclude: mons. Francesco Nolè, arcivescovo metropolita di Cosenza-Bisignano.

SABATO 22 SETTEMBRE 2018

Ore 16.30 - COSENZA - PIAZZA PARRASIO - ARCIVESCOVADO - Raduno davanti al medaglione bronzeo di De Cardona

Passeggiata decardoniana nel Centro storico di Cosenza, guidata da Alfredo Salzano e Demetrio Guzzardi. Itinerario: Arcivescovado, via Liceo, Piazza XV Marzo, Spirito Santo, Cosenza Casali.

In collaborazione con il gruppo facebook "Il senso del tempo il valore di un posto Cosenza".

Ore 21.30 - COSENZA - COMPLESSO CAPPUCCINI - Sala Associazione «De Maria»

Incontro con frate Alfonso Longobardi (detto Tartufone), sacerdote dell'Ordine dei Minimi ed autore dei libri: Ritorno a Nazzarètt; Basta poco (Progetto 2000) e Gesù mangiava a scrocco. Le cose migliori le ha fatte stando a tavola (Edizioni Paoline). Interventi di: suor Stefania Palumbo, Antonio Capocasale e padre Giovanni Cozzolino. Al termine: assaggi di pane azzimo multicereali e vino... quello buono.

DOMENICA 23 SETTEMBRE 2018

Ore 18.00 - RENDE CENTRO STORICO - PIAZZA DEGLI EROI - Sede Associazione culturale "Aria nuova"

Presentazione del volume di Loredana Gaudio, Trepuntozero. La vita al tempo delle fiabe, Editoriale Progetto 2000. Intervengono: oltre all'autrice e all'editore, Valdo Vercillo, presidente "Aria nuova"; Biagio Politano, magistrato, e Roberta Guzzardi, autrice delle illustrazioni.

In collaborazione con l'Associazione culturale "Aria nuova".

LUNEDI 24 SETTEMBRE 2018

Ore 11.30 - COSENZA - BIBLIOTECA CIVICA

Sfogliando i giornali decardoniani (La Voce cattolica, Il Lavoro, L'Unione), a cura di Demetrio Guzzardi.

In collaborazione con il Circolo della stampa di Cosenza «Maria Rosaria Sessa».

a seguire - Conversazione di grafologia. Tra le carte di don Carlo De Cardona e don Luigi Nicoletti: dalla scrittura alla personalità, a cura di Carmensita Furlano.

Ore 18.30 - COSENZA - COMPLESSO CAPPUCCINI - Sala Associazione «De Maria»

Presentazione del volume di don Salvatore Belsito, L'ecumenismo "vissuto". Il frate cappuccino Callisto Lopinot cappellano del campo di concentramento a Ferramonti di Tarsia, Editoriale Progetto 2000. Intervengono, oltre all'autore e all'editore: fra Antonello Castagnello, guardiano Convento Cappuccini; Franco De Maria, presidente Associazione «Gian Marco De Maria»; mons. Francesco Nolè, arcivescovo metropolita di Cosenza-Bisignano.

Nella sala dell'Associazione «De Maria» mostra delle illustrazioni realizzate da Roberta Fortino per la riedizione del libro Qui parlano le bestie scritto da don Luigi Nicoletti nel 1955.