Cosenza
 

San Giovanni in Fiore (Cs), Acidini (Accademia delle arti del disegno di Firenze): “Mostra su Dante e Gioacchino offre visione di un patrimonio comune che collega passato e presente”

Rimarrà aperta al pubblico fino al prossimo 31 ottobre la mostra "L'età dello spirito. Dante Alighieri e Gioacchino da Fiore" dei maestri Ernesto Piccolo ed Eduardo Bruno, allestita presso il Museo Demologico di San Giovanni in Fiore. L'evento espositivo, ospitato nello scorso mese di giugno nelle sale dell'Accademia delle Arti del Disegno di Firenze ( la prima accademia d'arte fondata nel mondo occidentale nel 1563 da Giorgio Vasari e Cosimo I De Medici), riscuotendo un enorme successo di pubblico e di critica, è parte del programma artistico/culturale "Eventi florensi" ideato e promosso dall'amministrazione comunale in occasione del IX° Congresso Internazionale di studi gioachimiti, svoltosi dal 19 al 21 settembre scorsi.
"L'età dello spirito. Dante Alighieri e Gioacchino da Fiore" racchiude 25 tele realizzate negli ultimi due anni dal maestro Ernesto Piccolo e 15 sculture di bronzo e terracotta dello scultore Eduardo Bruno.

"Al pensiero florense, profondo, radicale e al contempo affascinante - scrive Cristina Acidini, presidente dell'Accademia delle arti del disegno di Firenze, in una lettera indirizzata all'amministrazione comunale florense - non poteva rimanere indifferente il mondo dell'arte. Le opere, ideate a Firenze, ma che da oggi raggiungono la patria gioachimita per essere ammirate, ci offrono la visione di un patrimonio comune che collega il passato al presente, la Toscana alla Calabria, facendoci ritrovare una dimensione artistica cui la nostra Accademia non poteva che plaudire. Questa mostra rappresenta una di quelle sempre più rare occasioni in cui l'arte torna a farsi linguaggio corale, racconto, riflessione, indicando ai nostri occhi forme, colori, composizioni di vivida efficacia e di suggestiva forza. Per questo personalmente e a nome di tutto il Collegio dei professori dell'Accademia delle Arti del Disegno, non posso che esprimere il mio più vivo apprezzamento per questa vostra iniziativa e il ringraziamento, oltre che agli artisti, all'amministrazione comunale di San Giovanni in Fiore, nonché a tutte le autorità ed istituzioni che hanno convintamente promosso e reso possibile l'iniziativa".

"Ospitare la mostra di Piccolo e Bruno nel nostro Museo demologico – ha affermato l'assessore alla cultura, Milena Lopez – è per noi motivo di orgoglio per l'alto valore culturale che rappresenta. L'evento segna un tributo delle arti visive ai temi classici, alla fede, a Dante Alighieri ed a Gioacchino da Fiore. In questo contesto mi piace ricordare che proprio Gioacchino tradusse il suo pensiero in immagini e schemi visivi, ritenendo che "i misteri del divino" possono essere meglio compresi in figure piuttosto che a parole. Anche per questo motivo ho ritenuto che l'arte figurativa dovesse essere protagonista del programma di eventi organizzati ed interamente finanziati dall'amministrazione comunale in occasione del 9° Congresso Internazionale di studi gioachimiti, come omaggio ai 40 anni di attività del Centro. Mi auguro che soprattutto le scolaresche, quindi non solo gli appassionati, possano venire a visitare le straordinarie opere dei due artisti, calabresi di nascita ma fiorentini di adozione".