Cosenza
 

Cosenza, da Regione bando “attività ricettive”. L'invito dell'Amministrazione comunale a investire nel centro storico

Ricettività extralberghiera (es: B&B, affittacamere, locande, ostelli, ecc..); ristoriazione di qualità (intesa anche come bar, gelaterie e pasticcerie); servizi turistici e culturali (esplicitati da una serie di codici ATECO). Sono questi i tre macroambiti individuati nel bando regionale che si inserisce nella strategia complessiva di azioni tese a valorizzare i borghi calabresi e a potenziare l'offerta turistico-culturale. Il centro storico di Cosenza vi è compreso con la 'zona A'- città storica, intendendo tutta l'area che comprende Colle Pancrazio, Castello Svevo, Portapiana, Villa Comunale, Spirito Santo, Via Bendicenti, Casali, Colle Triglio, Duomo - Corso Telesio, Piazza Valdesi, Ponte Mancini, Corso Umberto, Ponte Alarico. “Una buona opportunità per quanti vogliono investire nel centro storico” – è il primo commento del vicesindaco, con delega al centro storico, Jole Santelli e dell'assessore al turismo Rosaria Succurro. “Il nostro invito è a coglierla in quanto importante punto di partenza per la valorizzazione del nostro centro storico, su più livelli: ricettivo, turistico, culturale, oltre che occasione di impresa per i giovani”. Il bando, infatti, ha un occhio di riguardo per i giovani fino ai 29 anni che avranno finanziato il loro progetto al 100% e, sempre a loro, ogni ambito del bando dedica una quota riservata. Possono partecipare, inoltre, le piccole e medie imprese già costituite (comprese associazioni e liberi professionisti).
“E' un'occasione da non perdere – è il messaggio dell'assessore alla crescita economica urbana Loredana Pastore – per quanti hanno progetti brillanti che spesso non sono realizzati proprio per la sostenibilità economica. Per i giovani, soprattutto, vista la copertura totale loro garantita, è la spinta a concretizzre la loro idea imprenditoriale”. La scadenza è fissata alle ore 12 del 31 ottobre 2018. Si presenta direttamente in piattaforma, già aperta dal 1° ottobre. Tutti i dettagli su http://calabriaeuropa.regione.calabria.it/website/bando/368/index.html