Cosenza
 

In distribuzione l'Annuario 2017 di Cassano allo Ionio

È in distribuzione nelle edicole e nelle librerie di Cassano, Lauropoli, Doria, Sibari, Marina di Sibari, Laghi di Sibari e Comuni limitrofi il volume Annuario 2017 di Cassano all'Ionio (Edizioni Prospettive meridionali) di Martino Zuccaro. L'annuario riporta la cronaca quotidiana della vita politica, culturale, economica, giudiziaria della cittadina sibarita, oltre che la "storia delle interdittive", la lotta politica sempre più parolaia, il decreto di scioglimento del Consiglio comunale del Presidente della Repubblica Italiana e tanto altro.

Il volume, inoltre, riporta in appendice, l'Annuario sintetico 1986 con la cronaca dell'agguerrita, aspra lotta politica e giudiziaria in cui sono rimasti coinvolti esponenti del P.S.I., D.C., P.C.I., P.R.I., Lista civica, M.S.I. e P.S.D.I..

È evidenziata anche la campagna politica per l'istituzione a Cassano di una sede USL staccata da quella di Trebisacce, la battaglia politica fratricida fra socialisti "bloisiani" e "fraschiani", la spaccatura del P.S.I., le due "maggioranze in consiglio comunale", la pratica politica con insulti e denigrazione, la convocazione di "due" consigli comunali: la "vecchia" e la "nuova" maggioranza con relative tensioni. In quella occasione il palazzo comunale è stato presidiato dai carabinieri della locale stazione e da quelli delle stazioni vicine al comando del capitano Diego Éramo. L'obiettivo finale dell'annuario è quello di riportare -per estrema sintesi- i tanti avvenimenti che hanno interessato istituzioni pubbliche e privati cittadini, e dei quali spesso se ne è smarrita la memoria. Per questo, per non dimenticare il passato che ha prodotto il presente sono state riportate circa 500notizie.

Qualche esponente della vita politica e amministrativa degli anni '80 del secolo scorso, dopo aver dato un'occhiata all'Annuario, hanno candidamente osservato: «Eppure avevo quasi dimenticato tutte quelle battaglie politiche portate avanti con tanto entusiasmo e impegno; e poi bisogna dire la verità, tante cose sono accadute anche per discriminazioni politiche e a volte anche partitiche all'interno dello stesso schieramento. Bisognerebbe fare una vera e propria revisione storica! A volte la memoria può giocarti brutti scherzi!».