Cosenza
 

Il movimento “Noi-Rete Umana”: “Benvenuti nel museo delle grandi incompiute di Cosenza”

"In sette anni di governo della Città, il Sindaco non ha avuto la capacità di rivolgere il suo interesse politico e progettuale alla Città Storica di Cosenza. Un'incapacità cronica che ha attraversato diverse amministrazioni negli anni, ma che si è manifestata in tutta la sua forza nell'Amministrazione dell'Architetto Mario Occhiuto, la cui cecità politica, le impedisce di guardare nella direzione del risanamento di numerose incompiute, alcune delle quali potrebbero procurare numerosi posti di lavoro. La Città Storica – è assodato - è il grande tesoro del Territorio. Recentemente lo ha dimostrato il nostro progetto COSENZA CRISTIANA, grazie al quale abbiamo attratto l'interesse del Ministro Dario Franceschini, determinando l'inclusione della Città Storica tra quelle finanziate con Fondi Europei.

Ora, se un grande progetto realizzato senza fondi pubblici ha attratto 90 milioni Euro, immaginate cosa avrebbe potuto fare l'Amministrazione Comunale. E invece il centro storico di Cosenza risulta tra i più decadenti d'Italia ed è teatro, suo malgrado, delle più grandi incompiute della città che gravano sulle spalle di questa Amministrazione che non ha scusanti, poiché non governa da pochi mesi ma da 7 anni. Questo modello politico ha il coraggio di definirsi modello Europeo? Di queste incompiute, ne ricordiamo solo alcune: il Centro Sportivo polivalente abbandonato ai vandali; il Parcheggio di Portapiana abbandonato all'incuria; le scale mobili su Corso Telesio che faciliterebbero la vita agli anziani del posto e il cammino ai turisti, nuove e mai rese funzionanti; la passerella di Via Oberdan, carbonizzata e lasciata così in bella vista da anni; le mura crollate che pongono a rischio civili abitazioni prive di interventi a rione Massa; la Piazza a Santa Lucia mai completata; Palazzo Caselli-Vaccaro che avrebbe dovuto ospitare il centro Studi filosofico di cui non si ha traccia; ilCentro Smart City, perla delle politiche innovative dell'Amministrazione, di cui però ad oggi non è pervenuto nulla; il progetto di efficientamento energetico di Palazzo dei Bruzi che avrebbe dovuto eliminare tutti i condizionatori esterni che, invece, sono ancora tutti presenti; il progetto relativo alla mappatura con tecnologia "Beacon" su Corso Mazzini in grado di attrarre le masse a beneficio del commercio e delle Arti. L'elenco purtroppo potrebbe continuare e per carità lo stoppiamo qui! Benvenuti nel Museo Cosenza". Lo afferma il movimento "Noi - Rete Umana".