Cosenza
 

Rossano (Cs), Amministrazione Comunale: "Scuola di via Torino sarà ricostruita"

"Quello che in meno di due anni quest'Amministrazione Comunale ha fatto, sta facendo e lascia in eredità anche in tema di sicurezza, edilizia scolastica e diritto allo studio rappresenta esattamente quanto il consigliere comunale Giuseppe Antoniotti non è riuscito mai a prevedere, programmare e realizzare nel corso della sua esperienza politica ed amministrativa".

È quanto dichiara l'Amministrazione Comunale intervenendo sulla questione sollevata sul plesso di Via Torino, "sul quale, nell'ambito delle verifiche avviate su tutto il patrimonio edilizio scolastico, sono risultate importanti e preoccupanti criticità dal punto di vista antisismico e che, come era logico e sensato fare per l'incolumità e sicurezza dei bambini, ne ha determinato lo sgombero".

"L'Amministrazione Comunale rinnova anzi tutto le scuse all'utenza e alle famiglie per i disagi subiti e rassicura gli stessi sulla realizzazione degli interventi. Entro il 30 marzo sarà presentato il progetto. La scuola di Via Torino – lo confermiamo – sarà demolita e ricostruita ex novo, per essere messa in sicurezza ed adeguata alle vigenti normative antisismiche.

Come il plesso di Via Torino, così tutte le altre scuole. Nessuna è mai stata interessata, durante la gestione Antoniotti, da interventi di ristrutturazione ed adeguamento. Accusare l'attuale Esecutivo Mascaro di immobilismo significa essere fuori dalla realtà, indossare i paraocchi e non accorgersi di quanto succede intorno a sé. Si deve a questa Giunta – lo ricordiamo ad Antoniotti – il rinnovo del parco mezzi comunali con l'acquisto di 5 nuovi scuolabus. Rinnovo che non avveniva da 30 anni e che oltre a determinare benefici derivanti da una maggiore sicurezza e comfort soprattutto per i bambini beneficiari, anche un notevole risparmio per le casse comunali.
Non è stato al momento possibile garantire il Servizio scuolabus per i 20 bambini - conclude l'Amministrazione Comunale - oltre che per i diversi scioperi indetti dal personale da diverse settimane in stato di agitazione (ma Antoniotti non si è accorto neanche di questo!), anche perché avremmo dovuto rivolgerci all'esterno, non riscontrando la disponibilità degli autisti e non avendo ulteriori mezzi a disposizione, per noleggiare un pulmino per la corsa aggiuntiva. Operazione che avrebbe richiesto uno sforzo finanziario notevole e sulla quale comunque l'Amministrazione Comunale sta continuando a cercare una soluzione utile per evitare disagi".