Cosenza
 

Rossano (Cs), servizio mensa: garantita continuità

"Servizio mensa scolastica, a causa di un errore tecnico nell'attuazione del precedente appalto, non gestito dall'attuale Giunta, è stato necessario trovare una soluzione per garantire continuità del servizio nel corrente anno scolastico. Per il nuovo bando di gara, che si riferisce al prossimo anno scolastico 2018/2019 e ai successivi si è dato l'indirizzo di garantire il punto di partenza attuale sia per la qualità del servizio, che per i livelli occupazionali, inserendo per tale ultimo aspetto la clausola di salvaguardia".

È quanto fa sapere il Sindaco Stefano Mascaro precisando che la stesura del bando è di competenza degli uffici.

Le polemiche sono sorte a causa di un equivoco durante una riunione svoltasi nei giorni scorsi (giovedì 18) alla quale oltre al Sindaco Stefano Mascaro e l'assessore all'istruzione Angela Stella hanno partecipato anche i funzionari preposti, i sindacati e una delegazione di lavoratori.
Fare passare – scandisce Mascaro - un fraintendimento per volontà di sottrarsi al confronto non è rispondente alla verità e non è corretto".

"Crediamo molto – dichiara il Primo Cittadino – in questo servizio come strumento volto a migliorare la qualità della vita delle famiglie, specie di quelle in cui entrambi i genitori lavorano. Non abbiamo mai preso in considerazione, nemmeno per un attimo, l'idea di ridurlo o mantenerlo, solo per la parte obbligatoria, cioè solo per la scuola dell'infanzia, come in altri comuni sta avvenendo. È uno sforzo enorme che stiamo affrontando se si considera il taglio di circa 800 mila euro del trasferimento statale per il 2018, che limita ogni possibilità di manovra nella redazione in corso del bilancio di previsione. Sono dunque incomprensibili – va avanti il Sindaco – le generiche ed ingiustificate accuse di sottovalutazione e di superficialità nell'affrontare il tema. Ciò è offensivo nei confronti degli stessi funzionari dell'Ente che, da settimane, stanno lavorando per valutare tutte le ipotesi e simulazioni possibili per coniugare risorse, efficienza del servizio e livelli occupazionali. Lavoriamo tutti insieme – conclude Mascaro – per raggiungere il massimo risultato, per il bene della comunità e per gli interessi dei lavoratori".