Celluloide
 

Terzo appuntamento con il cinema francese a Cosenza

Per il suo terzo appuntamento, il Cinéfrance filmclub di Cosenza propone un tributo d'autore al grande chansonnier appena scomparso, con "Tirez sur le pianiste", opera seconda di François Truffaut. L'appuntamento è per martedì 23 ottobre alle ore 20 presso l'Open Akademia di Cosenza (prenotazione obbligatoria tramite pagina facebook).

Film del 1960 diretto da FRANÇOIS TRUFFAUT, basato sul romanzo "Sparate sul pianista" di David Goodis, già autore dello stupefacente "Dark Passage", che si disse molto soddisfatto della versione truffautiana, dove si raccontavano le peripezie di uno scalcagnato pianista che, a causa di due fratelli delinquenti, si trova coinvolto contro la propria volontà in vicende criminali di vario genere. Opera seconda del regista, mescola diversi generi con godibile disinvoltura, in linea con lo spirito libertario della prima Nouvelle Vague. Si consolida qui la collaborazione con il direttore della fotografia, Raoul Coutard, abituale collaboratore di Jean Luc Godard e con il compositore Georges Delerue.

Bissare il successo di un esordio come quello de "I 400 colpi" non era impresa facile nemmeno per François Truffaut che infatti con la sua seconda opera,"Tirez sur le pianiste" (Tirate sul pianista), non raccoglie gli stessi entusiasmi suscitati dal film precedente, né da parte della critica né da parte del pubblico. Invece resta un bellissimo racconto che sceglie di affrontare un genere (il noir) con originalità ma senza superbia intellettuale. Un film che parla della timidezza e dell'amore mescolando stili e generi. L'avvicendarsi delle scene ricche di personaggi caratterizzati con estrema libertà, la grazia, la naturalezza nel girare, la libertà espressiva indicano un ulteriore passo in avanti compiuto dal regista nella ricerca di quello stile che già era e ancor più diverrà personalissimo ed inconfondibile.

[TRAMA] L'umile pianista di un bistrot di periferia, Charlie Kohler, dopo il suicidio della moglie, si lega a Lena, la lavorante del dancing. Una sera incontra il fratello Chico che è inseguito da due gangster. Charlie lo aiuta a fuggire, ma da quel momento diventa anche lui un bersaglio dei malviventi. Charlie è accompagnato da Lena, la cameriera del locale, che è innamorata di lui ed è a conoscenza del suo passato segreto. Il vero nome di Charlie è infatti Eduard Saroyan. Un tempo pianista molto famoso, si era ritirato dall'attività di concertista dopo il suicidio della moglie. I gangster rapiscono anche Fido, il fratello minore di Charlie. Dopo una colluttazione, Charlie uccide, per legittima difesa, il proprietario del locale innamorato della ragazza. Costretto a fuggire si rifugia con la sua compagna nella casa dei suoi fratelli in montagna. Ma il destino è in agguato: i rivali di quest'ultimo uccidono la ragazza e al giovane pianista non resta che tornare nel misero dancing di periferia.