Celluloide
 

Il cineasta calabrese Mattia Biondi alla quarta edizione dell'Ibrida Festival

I nomi più interessanti della ricerca italiana e internazionale nell'ambito dell'audiovisivo sperimentale, della performance art e della musica elettronica si danno appuntamento a Forlì, città che negli ultimi anni ha visto fiorire numerose iniziative afferenti al mondo delle arti contemporanee, per la quarta edizione di Ibrida, Festival delle arti intermediali.

Sarà presente anche il cineasta calabrese Mattia Biondi, che sabato 27 Aprile presenterà presso la Fabbrica delle Candele il suo film breve Autonotturno in 22 frammenti: il lavoro è un autoritratto filmico in 22 frammenti di paesaggio notturno. Autotoaffezione silenziosa, ritorno a sé. Lo sguardo procede nella notte, sfuggendo al campo del visibile: scrittura dell'ombra che inaugura una arte dell'accecamento. Anche se non succede niente, se nessun evento ha luogo, l'autore si acceca al resto del mondo.

La ricerca artistica di Biondi si basa sull'utilizzo di strumenti tecnici minimi ed essenziali ed è orientata allo sviluppo di processi creativi basati sulla fusione di materiale di archivio ed elementi autobiografici. I suoi film sono proiettati nei maggiori festival internazionali di settore.