Catanzaro
 

Zagarise (Cz), ecco il convegno “Nella memoria….responsabilità e sicurezza” in memoria di Rosaria Mandile e di tutte le vittime della S.S.106 e della strada del piccolo centro

Ha avuto luogo ieri, 21 giugno 2018 presso il Museo Marz a Zagarise (CZ), il convegno "Nella memoria...responsabilità e sicurezza" in memoria di Rosaria Mandile e di tutte le vittime della S.S.106 e della strada del piccolo centro presilano.

Il convegno è stato organizzato dall' Associazione Culturale "La Zagara Zagarise" e dall' Associazione "Basta Vittime Sulla Strada Statale 106", con il patrocinio dell'Amministrazione Comunale e la collaborazione fattiva della Parrocchia, del Centro Anziani nella persona del Vicepresidente Silvano Verrino, dell' Avis, SSD Zagarise e di tutte le altre Associazioni.

Significativi gli intervenuti dell' Ing. Fabio Pugliese, presidente dell'Associazione "Basta Vittime Sulla Strada Statale 106", dell' Ing. Marco Moladori, Capo Compartimentale di Anas FS Gruppo Ferrovie per la Calabria, del parroco di Zagarise Don Antonio Ranieri e del Vicario Generale del Vescovo don Gregorio Montillo. Ha moderato la Prof.ssa Guzzetti Adelina, della Zagara.

Dopo un breve saluto del Sindaco di Zagarise Domenico Gallelli, la discussione ha visto gli interessanti interventi del sindaco di Sellia Marina e di Soveria Simeri e del vicesindaco di Botricello e degli assessori del comune di Sersale, che hanno trattato il tema della sicurezza e della responsabilità. In particolare il sindaco e di Sellia Marina e il vicesindaco di Botricello Puccio hanno sollevato l' urgenza di rendere la strada, ormai nota come "strada della morte", più sicura e più adeguata ad un traffico che non è più quello degli anni '70.

Alla fine del convegno davvero molto partecipato, a cui hanno partecipato tutti i familiari delle vittime e anche Giusy Frangipane, mamma del piccolo Matteo Battaglia, è stata organizzata "partita del cuore", segno di speranza di vita , al termine della quale sono stati consegnati attestati di partecipazione.

Subito dopo tutti i partecipanti si sono uniti in una fiaccolata che, in silenzio, dai campetti ha raggiunto la Chiesa Madre dove si è conclusa l'iniziativa con un commovente e significativo momento di Preghiera.