Catanzaro
 

Lamezia Terme. Nel quartiere Capizzaglie inaugurato laboratorio d’arte dell’Istituto “Don Saverio Gatti”

A Lamezia Terme, l'Istituto Comprensivo "Don Saverio Gatti" si è reso nuovamente protagonista per l'inaugurazione di un altro importante laboratorio didattico, dopo "L'Atelier digitale" avvenuto nei mesi scorsi. Nel plesso della scuola primaria "A. Manzi", sita nel quartiere di Capizzaglie, è stato infatti tagliato il nastro che ha inaugurato contemporaneamente sia il laboratorio d'arte che una ricca esposizione di elaborati grafico-pittorici. Tali opere sono state realizzate da 34 alunni frequentanti il secondo ciclo che, nel corso dell'anno, hanno partecipato al progetto extracurriculare: "Arte, che emozione!".

Per l'occasione, la dirigente scolastica, dott.ssa Anna Maria Rotella, ha premiato i piccoli artisti alla presenza delle loro famiglie, di tutti gli alunni, dei docenti e dei collaboratori scolastici operanti nel plesso, consegnando loro un "colorato" attestato di partecipazione. Il Capo dell'Istituto ha poi ringraziato pubblicamente le insegnanti che hanno realizzato il progetto e allestito il laboratorio: Antonella Concetta Caruso e Maria Celeste Molinaro, evidenziando la loro passione per l'insegnamento, che le ha portate a lavorare, senza risparmiarsi, anche oltre il previsto orario di servizio. La dirigente ha inoltre ringraziato, attraverso la responsabile di plesso Maria Rita Mete, che ha fortemente voluto la nascita di tale laboratorio, tutto il team dei docenti che opera nel quartiere Capizzaglie, in quanto con grande professionalità si sta spendendo tenacemente per la crescita della scuola sottolineando, inoltre, come tutti all'intero dell'Istituto concorrano, secondo le proprie competenze e specificità, a questo medesimo fine.
Il progetto "Arte, che emozione!" è nato dal desiderio di far avvicinare i bambini al meraviglioso e affascinante mondo dell'arte, mediante percorsi didattici diversificati. Dall'uso della Lim, per approfondire la conoscenza della vita, delle opere e del contesto storico nel quale diversi pittori hanno espresso il loro "pensiero artistico", si è passati all'imparare-facendo. Numerosissimi gli elaborati realizzati dagli allievi seguendo tecniche diverse: dal disegno figurativo, all'astratto; da quello essenziale, fatto di linee e aree colorate, al collage; dal puntinismo al finto mosaico; dagli origami all'invenzione di composizioni cromatiche, per stimolare in loro la creatività e favorire l'emergere di uno stile rappresentativo personale e originale. I bambini, attività dopo attività, hanno sperimentato la gioia di esprimersi con un linguaggio diverso da quello della parola, ma comprensibile universalmente: il linguaggio dell'arte. "Ogni bambino è un artista anonimo" si legge su un cartellone all'interno del laboratorio, ma le docenti del progetto si augurano, che ciascun allievo continui ad apprezzare e a coltivare la passione per il "bello" e che tra loro possa emergere, in futuro, un artista riconosciuto.