Catanzaro
 

Catanzaro, continua il percorso formativo “Web for education - I bulli siamo noi per stare bene insieme”

Continua il percorso formativo rivolto agli istituti della città di Catanzaro e del comprensorio, dal titolo "Web for education - I bulli siamo noi per stare bene insieme", finanziato dal Corecom Calabria (Comitato Regionale per la comunicazione) e gestito dalla Fondazione Città Solidale Onlus. Un'idea progettuale che nasce dalla volontà del Corecom, nelle persone di Giuseppe Rota, Massimiliano Cileone e Frank Mario Santacroce e della Fondazione Città Solidale, con padre Piero Puglisi, per dare un supporto alle giovani generazioni nel combattere i tristi fenomeni di prepotenza e prevaricazione che ormai interessano, anche attraverso il fenomeno globale di internet, migliaia di individui. Tappa importante è stata quella vissuta presso la sala consiliare del Comune di Sellia Marina, dove si è avuta una numerosa partecipazione degli alunni dell'Istituto Comprensivo della cittadina ionica diretta dalla dirigente, prof. ssa Filomena Rita Folino. I ragazzi, per l'occasione, sono stati accompagnati dai genitori, presenza fondamentale nella lotta e nel contrasto a questo triste fenomeno.

Elemento, questo, messo in evidenza dall'avvocato Santacroce (Corecom), che ha sottolineato l'importanza di affrontare, insieme ai genitori, alunni e docenti questo tema così attuale e scottante, rimarcando anche quanto sia necessaria l'interazione tra scuola e famiglia. All'incontro ha partecipato anche il Sindaco di Sellia Marina, Francesco Mauro e gli agenti della polizia postale Salerno Savero, Mazzei Carmelo, L'Assessore Fulginiti Davide ed il Parroco Don Giuseppe Cosentino hanno contribuito a rafforzare il quadro di supporto che bisogna attivare per limitare il fenomeno del Bullismo. A chiudere gli interventi della giornata Francesco Lamanna, Critelli Roberta e Riccio Monica, rispettivamente educatori professionali e psicologa della Fondazione Città Solidale Onlus, impegnati quotidianamente a dare supporto ai più deboli. Il progetto si pone come obiettivi principali quello dell'acquisizione di comportamenti sicuri nella navigazione in rete e nell'utilizzo dei social media, in particolare in fase di registrazione, alla compilazione dei profili e durante l'upload di contenuti, a ridurre l'esposizione dei bambini/ragazzi ai rischi di internet, limitando il più possibile l'accesso a questi contenuti da parte dei minori. Una formazione che ha fra le sue finalità anche quella di aiutare i docenti nel difficile compito di educare e condurre i giovanissimi a praticare una sana comunicazione ed interazione con gli altri e con la realtà e fornire le strategie adeguate per affrontare il tema del bullismo e del cyber bullismo.