Catanzaro
 

Catanzaro, l’assessore Russo incontra Padre Pietro Ammendola, ministro provinciale dei frati cappuccini

L'assessore Danilo Russo ha incontrato Padre Pietro Ammendola, Ministro Provinciale di Calabria dei frati Cappuccini, unitamente alle associazioni che si sono costituite in un comitato spontaneo per scongiurare lo spostamento della comunità dei Cappuccini residenti nei locali annessi alla Chiesa del Monte. Presenti, in particolare, i rappresentanti delle associazioni Catacium, Catanzaro nel cuore, Petrusinu ogni minestra, Il cenacolo dei 10, l'Istituto secolare comunità di Catanzaro servi della sofferenza, il Gruppo di preghiera Padre Pio, il Cenacolo cuore immacolato di Maria rifugio delle anime.

Il Ministro Provinciale in visita ufficiale ha chiarito che quanto pubblicato sui social e su alcune testate giornalistiche è stato frutto di una fuga di notizie non ufficiali inerenti la riunione dei frati in un colleggio, che si riunisce ogni due anni, e che non ha decretato alcuno spostamento della fraternità costituita. Padre Pietro Ammendola ha ribadito che si è solo preso atto della grave crisi delle vocazioni che rischia di mettere a dura prova, negli anni a venire, la permanenza dei Cappuccini, non solo a Catanzaro.

L'assessore Russo, nel ringraziare il Padre provinciale per il momento di confronto concesso, ha così commentato: "Tra la città di Catanzaro e i frati Cappuccini esiste un legame forte e indissolubile, che affonda le radici in una storia antichissima. I monaci sono amici e padri spirituali e rappresentano un cordone ombelicale che unisce da secoli la fraternità costituita con i cittadini del Capoluogo. Inoltre, i beni storici e culturali custoditi nella chiesa del Monte costituiscono un patrimonio comune inestimabile. La notizia di un paventato spostamento dei frati ha destato un particolare preoccupazione nel mondo civile e religioso, ma dalle parole del Padre provinciale è emersa una rassicurazione decisa sulla permanenza della comunità dei frati a Catanzaro".