Catanzaro
 

Lamezia Terme (Cz), si è svolta l’assemblea del personale Inps dell’area provinciale di Catanzaro Crotone Vibo della Cisl

Il 13 febbraio u.s. si è svolta l'assemblea del personale INPS dell'area provinciale di Catanzaro-Crotone-Vibo presso la sede di Lamezia Terme allapresenza del Coordinatore Nazionale INPS CISL, Paolo Scilinguo.

Ulteriore tappa di un progetto volto a garantire una capillare informazione sui territori calabresi, organizzato dalla Segreteria Regionale della CISL Funzione Pubblica Calabria.

I lavori sono stati introdotti dal Segretario Generale Territoriale CISL FP di CZ-KR-VV Luigi Tallarico, il quale ha sottolineato la strategicità di questi momenti di confronto per consentire ai lavoratori di partecipare in maniera fattiva con proposte e suggerimenti.

La Segretaria Generale Regionale Luciana Giordano invece ha portato all'attenzione le due importanti iniziative messe in campo dalla CISL FP relative rispettivamente all'Assicurazione per Colpa Grave inserita gratuitamente in tessera per tutti gli iscritti e la raccolta firme azionata al fine di equiparare i tempi di erogazione del TFR tra settore pubblico e privato, che ad una settimana dal lancio ha già superato i 15mila sostenitori.

L'assemblea è stata molto partecipata ed ha riscosso molto successo grazie alla esaustiva, ampia e chiara relazione delCoordinatore Nazionale Paolo Scilinguo che ha suscitato grande interesse nei partecipanti.

In particolare, in materia di progressioni economiche orizzontali, in virtù dell'impegno profuso dalla CISL, è stato garantito alla maggior parte del personale un passaggio al livello superiore, con l'applicazione del principio solidaristico del c.d. riassorbimento del TEP.

Riguardo le progressioni verticali tra le aree, dopo la sottoscrizione del verbale d'intesa con l'amministrazione e proprio su richiesta avanzata dalla CISL, finalmente nella riunione del 19 febbraio p.v. si avvierà la discussione sulle selezioni interne finalizzate al passaggio nell'area C dei 950 laureati, attualmente collocati in area A e B.

Per la parte più cospicua di personale (più di 5.000 lavoratori), invece, la soluzione andrà ricercata nel nuovo CCNL delle Centralizzate che dovrà entro giugno 2018 riscrivere l'ordinamento professionale.

In materia di accrescimenti professionali, la novità prevista dal CCNI 2017 riguarda l'ampliamento dei confini della funzione di tutoraggio, prima circoscrittaalla verifica amministrativa, ora estesa ad altri ambiti di materia (soggetto contribuente, assicurato pensionato e prestazioni a sostegno del reddito) a cui potrà accedere tutto il personale, a prescindere dall'area di appartenenza.

Infine il Coordinatore Nazionale, in materia di detassazione del salario accessorio, che vede la Federazione della Funzione Pubblica CISL impegnata in prima linea alla luce dell'intesa del 30 novembre 2016, candida l'INPS come primo possibile ente attuatore nel pubblico impiego, in quanto rispecchia in maniera consolidata i canoni previsti per il privato, legati a incrementi di produttività, qualità, redditività, innovazione, efficienza organizzativa, facilmente riscontrabili dai sistemi di misurazione della performance già in atto in Istituto.