Calcio
 

Monopoli più forte della Urbs Reggina, c'era da scommetterci: 1-3 sul neutro di Vibo

tulissi600di Paolo Ficara - In primavera, la Vibonese aveva trovato fortuna al "Granillo", vincendo ai rigori lo spareggio per tornare in Serie C. La Urbs Reggina non riesce a fare altrettanto al "Razza" di Vibo Valentia, costretta ad affrontare in campo neutro il Monopoli causa indisponibilità dell'impianto di viale Galilei. I pugliesi iniziano forte, passando in vantaggio con De Angelis, ma vengono raggiunti da Tulissi. Una ripresa tutta di marca biancoverde, vede andare in rete Sounas e Mangni. Forse, più del campo neutro, ad intontire i ragazzi di Cevoli sarà stata la notizia degli inevitabili 8 punti di handicap, che giungeranno causa mancato deposito di una fidejussione idonea.

LE SCELTE – Rispetto alla squadra schierata dall'inizio contro il Bisceglie, Cevoli preferisce Marino a Franchini. È la sua prima gara da titolare in questo campionato. Confermato Mastrippolito terzino sinistro. Scienza torna al 3-5-2, dopo aver perso in casa col 3-4-3 contro il Rende nel turno infrasettimanale, e recupera due pedine preziosissime: il regista Scoppa e la mezzala Sounas.

AL PRIMO TIRO - Così come contro il Bisceglie, la Urbs Reggina si dimostra timorosa ed impacciata nelle battute iniziali. Ma il Monopoli è di caratura tecnica superiore. Già al 6', è sufficiente un cross del libero Donnarumma da sinistra per sbloccare il match: il brevilineo Berardi prende il tempo ai difensori, la respinta di Confente assume una strana traiettoria che va ad insaccarsi, non prima che De Angelis arrivi a spingere il pallone di testa sulla linea.

REAZIONE TARDIVA MA EFFICACE - Devono passare diversi minuti, affinché gli amaranto abbozzino una reazione. Nella prima mezz'ora, il portiere dei pugliesi è uno spettatore non pagante. Stavolta si sfonda dal lato sinistro. Prima con Mastrippolito, il cui cross non trova la testa di alcun compagno. Poi è Sandomenico a mettere alle corde la difesa del Monopoli al 37': il pallone viene respinto malamente, Salandria cerca la coordinazione per dare precisione ad un tiro da fuori area, pallone sulla traversa ma Tulissi pronto al tap-in per il pareggio. Da lì a poco, getta la spugna Maritato: toccato duro, entra Tassi.

DI NUOVO KO – Anche l'avvio di ripresa, come quello della prima frazione, è appannaggio del Monopoli. Al 50' Fabris sfonda a destra, mettendo con intelligenza un pallone rasoterra al limite dell'area: Sounas, migliore in campo ed ormai sprecato per la categoria, batte Confente con un destro angolato sul secondo palo. Stavolta i pugliesi non arretrano dopo il vantaggio, e le forze calano prima agli amaranto nonostante i ragazzi di Scienza siano reduci dal turno infrasettimanale. De Angelis e Sounas sfiorano la doppietta personale.

DEBACLE TOTALE – Cevoli passa al 4-2-4 levando Petermann e Marino, con l'ingresso di Zibert ed Emmausso. L'intesa fra singoli è rara, per Pissardo c'è solo ordinaria amministrazione. Sugli sviluppi di un angolo battuto da Ungaro, subentrato a Tulissi, parte il contropiede solitario del fresco Mangni: è il 77' quando per l'ex atalantino è sufficiente saltare Salandria, per involarsi verso Confente e lasciarlo terga a terra, prima di depositare a porta sguarnita. A poche ore dal fischio d'inizio, la quota del 2 in favore del Monopoli era crollata un po' in tutte le agenzie. In un caso, le puntate sul match sono state persino sospese. Adesso la Urbs Reggina sarà attesa dal Catanzaro, sabato prossimo al "Ceravolo".

URBS REGGINA - MONOPOLI 1-3
Reti: 6' De Angelis, 37' Tulissi, 50' Sounas, 77' Mangni

URBS REGGINA (4-3-3): Confente; Kirwan, Conson, Solini, Mastrippolito; Marino (59' Zibert), Petermann (59' Emmausso), Salandria; Tulissi (74' Ungaro), Maritato (42' Tassi), Sandomenico (74' Franchini). A disposizione: Vidovsek, Curto, Pogliano, Ciavattini, Redolfi, Bonetto, Navas. Allenatore: Cevoli.
MONOPOLI (3-5-2): Pissardo; Rota, De Franco, Mercadante; Fabris, Zampa, Scoppa (86' Maimone), Sounas (78' Montinaro), Donnarumma (86' Pierfederici); De Angelis (65' Mangni), Berardi (65' Mendicino). A disposizione: Saloni, Gatti, Ferrara, Bei, Paolucci, Mavretic, Gerardi. Allenatore: Scienza.

Arbitro: Pashuku di Albano Laziale
Ammoniti: Ungaro