Calcio
 

Reggina: le vittorie avevano un padre, le sconfitte sono figlie di...

maurizipanchinadi Paolo Ficara - Fino a che punto dovremo sopportare? Una Reggina senza grosse idee di gioco, conserva un vantaggio risicato sulla zona playout e colleziona la settima gara consecutiva con la bocca asciutta. Se, per assurdo, esistesse l'autolesionistico obiettivo di voler fare peggio rispetto a Karel Zeman, si rischia di riuscirci. Sperando che questo "peggio" porti comunque al mantenimento della categoria, ottenibile anche con un quartultimo posto che eviterebbe lo spareggio, in virtù del vantaggio superiore ad otto punti rispetto all'Akragas. Ma che risulterebbe comunque ignominioso.

A Catanzaro, il mister Maurizi aveva attribuito a caldo ad un dirigente il merito di quella vittoria, giunta poco prima di Capodanno dopo un Natale indimenticabile. Non serve un grosso sforzo di memoria, per ricordarsi appunto a quando risalga l'ultimo trend negativo della Reggina, né quanto sia durato quello positivo successivo.

Se a quella vittoria era stata assegnata una paternità ben precisa, adesso non ci si può permettere il lusso di girare attorno al problema. Non ci interessa stabilire cosa intendesse Maurizi, ieri, nell'affermare che era stata preparata un altro tipo di partita col Monopoli. Se la scelta di non aver esonerato l'allenatore dopo i vari patatrac interni, era stata esaltata dal diretto interessato come un merito della dirigenza, oggi davanti a cotanti risultati bisogna avere l'umiltà di riconoscere l'errore madornale.

Il tecnico andava esonerato, eccome.

Maurizi somiglia sempre di più a Martino, per tre ragioni. Si è scelto tutti lui, o comunque ha avallato l'assunzione di tutti i tesserati che devono stare a suo stretto contatto ogni settimana, fatta eccezione per il medico sociale; ha l'innata dote di mettere le persone l'una contro l'altra; non si assume mai nei fatti, se non con qualche frase di circostanza, la reale responsabilità di una sequela di risultati negativi. Che si protraggono da novembre, col breve intervallo delle vittorie su Catanzaro e Paganese.

Il tecnico ha dato l'input per rivoluzionare l'organico in estate. A gennaio, di comune accordo con la società, ha sbolognato i reduci dalla precedente stagione, tranne Bianchimano (che nel frattempo ha dato la propria procura ad un romano) e Licastro. Nella finestra invernale, ha persino lasciato andare qualche suo ormai ex fedelissimo. Ha messo sicuramente bocca, o comunque ha avallato gran parte dei rinforzi di metà stagione. Gli è stato addirittura concesso di attingere un suo ex giocatore dal mercato degli svincolati.

Adesso, di fronte ad una squadra che non dà neanche la parvenza di sapere come si arriva ad una vittoria, non serve chissà quale analisi introspettiva per capire che dovrebbe dimettersi.

Perché se aspettiamo che Adolf prenda provvedimenti...

Attorno alla Reggina è rimasto un grave problema, rispetto all'era Foti. L'infimo livello di informazione propinato all'utenza, spesso condizionato da simpatie o antipatie personali. Siamo arrivati al colmo nel corso dell'attuale campionato, con qualche Wanna Marchi che ad inizio stagione (in quell'illusorio periodo col sogno playoff) spalava fango, adesso incapace di esprimere critiche verso un allenatore che non porta risultati, guarda caso, proprio da quando gode di tale "protezione". Grave anche il fatto che ci si giri dall'altro lato, di fronte alla notizia di una messa in mora. Possono cambiare i presidenti, i direttori e gli allenatori, ma fin quando rimarranno i compari, la Reggina non sarà mai godibile al 100%.

Leggi anche:

Reggina: ve ne andate quatti quatti o a passo di parata? http://ildispaccio.it/primo-piano/165894-reggina-ve-ne-andate-quatti-quatti-o-a-passo-di-parata

Reggina: rifatta (male) la squadra, ora va rifatta una società http://www.ildispaccio.it/calcio/84-quadrante-amaranto/168744-reggina-rifatta-male-la-squadra-ora-va-rifatta-una-societa

Reggina: quando il re capisce di essere nudo... http://www.ildispaccio.it/calcio/84-quadrante-amaranto/172177-reggina-quando-il-re-capisce-di-essere-nudo

Reggina, Falcomatà in contatto con imprenditori esteri: stretta finale per il bando http://www.ildispaccio.it/calcio/84-quadrante-amaranto/172234-reggina-falcomata-in-contatto-con-imprenditori-esteri-stretta-finale-per-il-bando