Calcio
 

Novità importanti per l'ASD Rogliano 1948

Novità importanti per l'ASD Rogliano 1948, storica società calcistica della Valle del Savuto che proprio il prossimo 6 agosto festeggerà il settantesimo anniversario della sua fondazione. Nel corso di una riunione che ha visto la partecipazione di numerosi simpatizzanti, si è proceduto a formalizzare l'organigramma in vista della prossima stagione: Francesco Citino è il nuovo presidente, coadiuvato dai vicepresidenti Luigi Caputo, Oreste Sicilia e Armando Talarico; direttore generale è stato nominato Alessandro Loria, direttore sportivo Tommaso Marsico. Nel ruolo di responsabile del settore giovanile confermatissimo Antonello Caputo, ormai al sesto anno di attività, che sarà affiancato da Marsico nella gestione complessiva e da un team di allenatori per ciascuna categoria: Valerio Cellanetti, Guerino Palazzo, Santo Pallone e Dario Vizza cureranno Prime Leve (4 - 5 anni) e Piccoli Amici (6 - 7 anni); Gianfranco Altomare, Giovanni Coccimiglio e Roberto Marini, che hanno già collaborato lo scorso anno con serietà e competenza, si occuperanno di Pulcini (8 - 10 anni) ed Esordienti (11 - 12 anni). Nutrizionista, psicologo, fisioterapista e addetto stampa completeranno lo staff societario. Pienamente soddisfatta Patrizia Altomare, presidente uscente che negli ultimi anni ha gestito in modo impeccabile la società: «Sebbene gli stimoli a mantenere il mio ruolo fossero continui, soprattutto da parte di chi ci è sempre stato vicino in questo tempo, è giunto il momento di cambiare. I ragazzi hanno lavorato sempre con il massimo impegno esprimendo, nonostante la giovanissima età, un vero e proprio attaccamento alla maglia. Agli inizi di giugno siamo stati invitati al Torneo Romagna Cup, in Emilia Romagna, un torneo di valenza internazionale cui hanno partecipato squadre di tutta Italia, oltre che società estere. Grande lezione di orgoglio ci è stata data dagli Esordienti, mai domi, lottatori fino all'ultimo secondo. Ottimo risultato per i Pulcini, che si sono classificati quarti su oltre 60 squadre, ricevendo i complimenti di tutti. C'è da dire, però, che l'obiettivo non era vincere, tanto meno partecipare: il nostro intento è sempre stato quello di divertirci, come testimoniato dalla giornata a Mirabilandia che abbiamo trascorso tutti insieme, giovani e adulti. Quest'anno abbiamo ben figurato nei vari campionati – continua la Altomare – ricevendo l'elogio di numerose società. Negli ultimi due anni siamo saliti sul podio del Memorial Barone Raffaele Collice, uno dei maggiori tornei del Sud Italia, con ben 3.