Coronavirus, Santelli: "Attrezzature per la Calabria bloccate da Dogane"

santelli insediamentoLa Calabria utilizzera' i tamponi rapidi solo "nel momento in cui l'Istituto superiore di Sanita' dara' una validita' scientifica a questi test". Cosi' il presidente della Regione, Jole Santelli, nel corso di un'intervista al Tgr Calabria sull'emergenza coronavirus. "Siamo in assoluto una della Regioni che - ha rilevato Santelli - sta 'tamponando' di piu', se possiamo utilizzare questo neologismo. Alcune Regioni stanno facendo i cosiddetti tamponi rapidi, ma su questo in realta' non c'e' un'omogeneita' di consenso e, soprattutto, su questi tamponi rapidi non abbiamo una valenza scientifica. Io quindi sono estremamente prudente sull'uso di questi tamponi. Nel momento in cui - ha sostenuto il presidente della Regione Calabria - l'Istituto superiore di Sanita' dara' una validita' scientifica a questi test, che sono test epidemiologici e generali e non test effettivi sulla persona, li utilizzeremo anche noi".

"Abbiamo fatto degli acquisti, sono stati bloccati dall'Agenzia delle Dogane. O ce li fanno acquistare o ce li mandano". Lo ha detto il presidente della Regione, Jole Santelli, in un'intervista al Trg Calabria sull'emergenza coronavirus. "Oggi - ha detto Santelli - e' una domenica delle Palme un po' surreale. Tutti chiusi in casa, un momento di sacrificio che pero' e' molto utile e necessario per salvaguardarci tutti". Con riferimento alle attrezzature per affrontare l'emergenza in Calabria, Santelli ha osservato: "Abbiamo fatto degli acquisti, sono stati bloccati dall'Agenzia delle Dogane. O ce li fanno acquistare o ce li mandano. E' difficile acquistarli, quando riusciamo ad acquistare qualcosa viene bloccato dalle Dogane". "Il governo e il commissario Arcuri - ha proseguito il presidente della Regione - devono mandarci gli strumenti per essere in condizioni adeguate. Al momento abbiamo posti di terapia intensiva sufficienti a gestire la situazione, ma, poiche' ci hanno dato l'obbligo di crearne altri, adesso ci devono mettere in condizione di renderli effettivi". (AGI)