Federconsumatori Calabria: “Dopo nostra denuncia l’Autorità nazionale dei trasporti avvia procedimento sanzionatorio contro Trenitalia spa”

A seguito della diffida presentata lo scorso maggio da Federconsumatori Calabria, l'Autorità Nazionale di Regolazione dei Trasporti ha avviato nei confronti di Trenitalia SPA un procedimento sanzionatorio per la violazione delle disposizioni del regolamento CE relativo ai diritti e agli obblighi dei passeggeri del traporto pubblico e per non aver provveduto ad informare gli utenti che ne abbiano fatto richiesta tramite consultazione del sito internet, delle attività che avrebbero potuto interrompere o ritardare il servizio di trasporto.

Il procedimento sanzionatorio si concluderà entro 120 giorni dalla notifica della delibera di avvio del provvedimento ed entro 60 giorni i soggetti interessati potranno presentare memorie difensive, deduzioni, pareri.

Per Mimma Iannello Presidente regionale dell'Associazione:

"La procedura sanzionatoria avviata dall'Autorità nazionale di Regolazione dei Trasporti premia la fondatezza delle denunce di Federconsumatori Calabria che da tempo è vigile nel monitorare le offerte di viaggio da e per la Calabria e nel tutelare il diritto alla mobilità sul TPL e sulla media e lunga percorrenza. Tant'è, anche l'intensa attività di conciliazione avviata con Trenitalia SPA per la soluzione di numerose controversie tutte risolte con esito positivo per i nostri assistiti.

Con la diffida presentata lo scorso maggio abbiamo alzato il tiro della denuncia dei disservizi ed il danno cagionato agli utenti del servizio Trenitalia che per più mesi, nella primavera scorsa, sono stati impossibilitati ad acquistare online, o da altro canale di vendita, titoli di viaggio per l'estate, sui tutti i treni Intercity diretti o in partenza per o dalla Calabria. Per il tempo monitorato da Federconsumatori difatti, era possibile il solo acquisto di biglietti per treni Freccia o Intercity Notte.

Di fronte ad un'evidente alterazione dell'offerta commerciale che ha disorientato la domanda di viaggio, abbiamo segnalato anche all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di accertare l'eventuale fattispecie di pratiche aziendali di condizionamento omissive e/o lesive del diritto dei consumatori alla corretta informazione e all'accesso alle offerte commerciali nella piena "consapevolezza" di scelta dei viaggiatori e chiedendo di adottare ogni misura a tutela del diritto dei consumatori alla più ampia e corretta informazione e trasparenza.

Inoltre, abbiamo segnalato gli aumenti smisurati dei titoli di viaggio Trenitalia, in particolare nei periodi festivi ed estivi e la necessità di migliorare la trasparenza nelle modalità di acquisto dei titoli di viaggio tramite le emettitrici automatiche che, per quanto a noi segnalato, parrebbero non rendere disponibile la "migliore" offerta commerciale diversamente acquistabile su altri canali di vendita.

Attenderemo ora fiduciosi la conclusione del procedimento dal parte dell'Autorità ma non esiteremo nei prossimi giorni a chiedere un'audizione diretta all'Autorità nazionale per rafforzare la nostra azione di denuncia e di rappresenta dei disagi continui del viaggiare dei calabresi e di chi intende raggiunge la nostra regione nell'obiettivo di migliorare l'accesso al diritto alla mobilità a condizione sicure ed eque di viaggio e sulla base di standard qualitativi e quantitativi dei servizi."