Agevolazioni per acquisto parrucche per donne che si sottopongono a chemioterapia, Asep: "Anni passano, tutto tace"

"Il tempo scorre, gli anni passano e tutto tace. 2017 impegno dell'on Wanda Ferro (fdi) a presentare una proposta di legge affinché anche in Calabria, le donne ammalate di cancro possano usufruire di agevolazioni e/o esenzioni per l'acquisto di parrucche.
Una battaglia fatta da una donna che esprime forte sensibilità per tematiche che dovrebbero coinvolgere più politici, invece, le solite orecchie da mercante!". Lo scrive Maria Idone presidente Asep, associazione sociale estetica professionale, che pone nuovamente il problema "in quanto una donna che scopre di avere un tumore e inizia tutti i protocolli chemioterapici la prima cosa a cui pensa è: perderò i capelli?"

"Questo è un trauma che coinvolge la psiche , non si guarderà allo specchio come prima, la paura di essere giudicata sarà costante.

Le conseguenze? La malattia verrà combattuta in modo diverso, sarà quasi una resa dell'anima".

"La parrucca rappresenta un modo per camuffarsi per ritornare a sentirsi donna , non tutte hanno la possibilità di acquistarne una e dovranno accontentarsi di un foulard o di una parrucca sintetica .

Cosa gradita sarebbe che la Calabria come le altre 10 regioni che hanno già aderito si unisse e contribuisse all'acquisto di questo "accessorio " che non è superfluo ma vitale!

La mia domanda è:

Perché in altri luoghi la sensibilità esiste e qui no?

Mi rivolgo ai nostri politici affinché anche la nostra regione si impegni e dia un aiuto a chi è stato meno fortunato di noi".