Dal Ristorante in Casa al Movimento degli Italiani, Gaetano Campolo pronto a puntare sul Meridione

gaetanocampoloDopo il successo imprenditoriale di Home Restaurant Hotel il Ceo e Founder Gaetano Campolo lancia il Movimento degli Italiani.

Il Movimento degli Italiani è nato come blog politico il 30 maggio 2018 ed ha raggiunto più di 300 mila persone in Calabria, e 25 mila persone raggiunte a sostegno della Manifestazione per chiedere le dimissioni al Commissario Scura.

La proposta del Movimento degli Italiani è lanciare un Gruppo Lavoro di 8 Commissioni e 20 persone pronte ad occuparle.

Le 8 Commissioni saranno composte da persone tra i 25 e i 40 anni e i Commissari saranno selezionati tra le Regioni in Meridione mentre 20 persone saranno selezionati all'interno delle Regioni. I componenti delle Commissioni non saranno mai nomi Politici.

L'obbiettivo del Movimento degli Italiani è lavorare per valorizzare le Regioni, infatti il primo test di prova sarà per le Regionali in Calabria nel 2019.

Il tema del progetto che durerà 5 anni si chiama Meridione 4.0, in quanto ricorda Gaetano Campolo che guardare alla digitalizzazione e formazione professionale sui nuovi lavori vuol dire guardare al futuro. Infrastrutture, trasporti, sanità, industria, ambiente, università, strade, ecc sono tutte operazioni necessarie e di immediata importanza, per questo è nato un sondaggio sulla pagina Facebook del MdI dove si chiede ai calabresi le dimissiono di Mario Oliviero, visto lo stato attuale delle condizioni della Calabria, e sempre sulla pagina Facebook un sondaggio vede il 75 % dei calabresi su 500 votanti che si candiderebbero o voterebbero per il Movimento degli Italiani.

Il Movimento ricorda che a breve sarà annunciata la data della prima conferenza stampa che seguirà ad un tour in tutte le citta calabresi.

Insomma siamo già in campagna elettorale per le elezioni Regionali del 2019 ed il Cambiamento è nell'aria.

La pagina Facebook

https://www.facebook.com/Movimento-degli-Italiani-171202153547520/

http://www.movimentoitaliani.com

 

 

Pubbliredazionale