Dalla Calabria, Mastrulli (Co.s.p) accende i riflettori su mobbing e stalking nei posti di lavoro

Si è concluso nelle ore scorse il tour sindacale in Calabria del leader nazionale del Co.s.p. Domenico Mastrulli. Bilancio più che positivo delle attività, caratterizzate in chiusura delle tappe calabresi dal convegno organizzato a Palmi dal Coordinamento sindacale penitenziario in collaborazione con l'Osservatorio per le politiche sociali. Associazione della quale il Co.s.p., si è fatto promotore quale portatore sano delle istanze e dei diritti dei lavoratori. Di estrema incisività l'intervento del segretario generale nazionale del sindacato Mimmo Mastrulli in relazione ai temi affrontati durante il convegno. Argomenti di attualità che hanno richiamato l'attenzione della platea, raccogliendo applausi e consensi. Il convegno è stato un momento di approfondimento che ha visto professionisti e rappresentanti istituzionali confrontarsi sulle complesse condizioni di lavoro delle donne, sempre più spesso vittime di mobbing e di stalking. Nel ruolo di moderatrice, la scrittrice Francesca Corraro, presidente onorario dell'Osservatorio sulle Politiche Sociali, tenuto a battesimo nell'aprile scorso a Trani. Di particolare incisività il contributo dell'on. Marilina Intrieri, membro della Commissione minori presso la Camera dei Deputati, che ha riferito in termini statistici delle condizioni di maltrattamento di una sommersa quanto complessa realtà minorile. Prezioso il contributo offerto dagli avvocati, prof. Michele Filippelli e Alfredo Foti dell'Osservatorio i quali attraverso una ricostruzione giuridica e giudiziaria, hanno tracciato il quadro del più esteso fenomeno degli atti persecutori. Ricco di spunti l'intervento di Domenico Corraro, autore e scrittore de "il mondo persecutorio". La parte introduttiva del convegno è stata affidata a Giuseppe Maria Pierro, editore della Casa editrice Admaiora di Trani, presidente dell'Osservatorio. Il convegno ha visto la presenza di numerosi rappresentanti appartenenti ad associazioni di volontariato e personale del Corpo di polizia penitenziaria associato al Co.s.p. Nel ringraziare tutti i partecipanti, il segretario nazionale del sindacato autonomo Domenico Mastrulli ha sottolineato le peculiarità di momento di confronto che getta le basi per mantenere i riflettori accesi sui fenomeni persecutori, sulla scarsa qualità della vita che donne e uomini quotidianamente nel silenzio istituzionale affrontano con dedizione e professionalità ma nel silenzio assoluto delle Istituzioni.