Agorà
 

Premio "Vibo giardino sul mare" alla memoria di Tony Murmura e Franco Inzillo

Venerdì 23, alle ore 16,30 all'hotel 501, presenti le massime autorità istituzionali della provincia, verrà assegnato il "I^ Premio Vibo giardino sul mare" alla memoria del senatore Antonino Murmura e alla memoria dell'avv. Franco Inzillo, due tra le figure più prestigiose della città che nel corso del quarantennio 1950-1980 hanno scritto, a quattro mani, il libro d'oro della città.

A dare il via alla serata dell'amarcord vibonese saranno gli interventi del sindaco Elio Costa e del prefetto Giuseppe Gualtieri. Poi a raccontare "Vibo giardino sul mare" saranno Giacinto Namia, Vito Rosano, Gilberto Floriani, Antonio Inzillo, Domenico D'Amico, Raniero Pacetti, Antonio Montuoro, Domenico Mobilio, Ugo Bellantoni ed Eleonora Cannatelli.

Nella prima copertina dell'evento l'epoca che ha permesso a Vibo Valentia di essere eletta come città regina e più culturalmente elevata della Calabria di quegli anni che l'hanno resa celebre. L'evento di venerdì avverrà in una adeguata cornice ed accoglienza storica.

Perché questo racconto ed il ritorno alla memoria ? Franco Sabatino, pàtron della nuova gestione della rinnovata struttura ha fatto la sua scommessa e l'ha consegnata ai figli Gabriele, amministratore unico e Domenico. La conduzione torna a Pucci Morazzoni che è una garanzia. La struttura è tornata all'attività in veste più avanzata sia tecnologica che organizzativa. Il team Sabatino, con donna Bettina fermamente convinta dell'idea, sta favorendo ogni più adeguato servizio per favorire un più sensibile sviluppo della cultura dell'accoglienza in maniera tale che Vibo torni ai fasti di un tempo e nella certezza che le potenzialità culturali, associative ed imprenditoriali del territorio, insieme, possano e debbano concorrere alla riuscita del progetto.

Venerdì sera è previsto un atteso tuffo nel passato ed in compagnia di quanti amano Vibo e la sua ultima fase storica, con occhi e pensiero puntati sul più immediato avvenire.

Ricognizione che parte con Tony Murmura sindaco dal 1952 e Franco Inzillo suo successore alla presidenza dell'Azienda autonoma soggiorno e turismo protagonisti di una svolta, di una scelta politico amministrativa che è servita a dare lustro ad ogni tipo di iniziativa assunta in quegli anni e che ha finito col riscontrare talvolta la gelosia del resto della Calabria che guardava a Vibo Valentia – dicono le cronache del tempo – con una sorta d'invidia tanto era il fascino e l'eccellenza che caratterizzava soprattutto il cartello dei progetti e dei programmi condotti a termine con intelligenza e fantasia .

Il tenore di vita alto e spesso anche di sicuro effetto mondano che elevavano la dignità della città, cara a Luigi Razza, ha fatto si che Vibo Valentia risultasse polo di sicura attrazione per una regione che andava esprimendo il meglio del suo sistema di attività in direzione del suo sviluppo, in particolare, della cultura dell'accoglienza.

Per cui manifestazioni del calibro come l'invidiabile fermento culturale registrato al Cine Club, di Palazzo Stagno d'Alcontres e mondani alla Casina dei Fiori e allo Sporting Club, erano conseguenza degli effetti altisonanti del felice rapporto di Franco Inzillo con Pier Paolo Pasolini e di registi e scrittori della levatura di Salvatore Rea e Vincenzo Maria Siniscalchi, due alfieri della scuola napoletana ed il contemporaneo ed impressionante eco nazionale del Festival della Canzone vibonese lanciavano il territorio nell'orbita del più pieno successo, suscitando entusiasmo e speranza in una popolazione che apprezzava l'opera di dei suoi figli più intelligenti e votati alla promozione della cultura e dell'arte.

Chi non ricorda Nino Grasso e Matteo Puzzello, Gino Monari, Agostino Giordano direttore dell'Aast, Domenico Giordano, Fortunato Cannatelli, Francesco Maio, Attilio Borello ?

Ma era anche il tempo delle Giornate Mediche Internazionali di Lino Businco e della dieta mediterranea, della Valentia Aurea, del Cantasud con Murmura ed Inzillo coadiuvati da personaggi di forte estro politico, culturale e artistico, il regista vibonese Andrea Frezza, Giacinto Froggio Francica, i giornalisti Pino Orefice e Arturo Daco. Gennaro Donato, Franco Pugliese, Colombo Achille, Ferruccio Schiavello, Totò Inzillo, Marcello ed Enrico Colloca, Libero Buccarelli, Cesare Bellantoni, Paolo Petrolo e tanti altri e tra questi il sen. Michele Basile.

Un quarantennio arricchito dalle esperienze archeologiche di Vincenzo Nusdeo, ispettore onorario alle Belle Arti, con la creazione del Museo "Vito Capialbi" prima a Palazzo Gagliardi, sede centrale prestigiosa dell'Agosto Vibonese con le Mostre d'arte e dell'artigianato.

Venerdì sera sarà un amarcord, un ricordo della Vibo bella e splendente in ogni sua venatura, nella sua multi immagine di città giardino sul mare.

Gerardo Sacco tornerà indietro anche lui con il tempo e riproporrà i suoi primi gioielli gelosamente custoditi in uno scrigno che conserva i tesori della Calabria, dalla Magna Graecia ad oggi.

Otello Profazio proverà a ricantare i costumi e le tradizioni della Calabria di quel tempo così come assisteremo alla rievocazione dei fantastici e gloriosi tour del Gruppo Folk città di Vibo, quasi sempre dominatore della scena internazionale alle Europeade del Folk.

L'evento che supera ogni tentativo di essere un momento di piagnisteo e di impietosa voglia di parlare della Vibo di oggi lancia un appello ai giovani: riappropriatevi di Vibo. E' vostra, voi dovrete essere i protagonisti del futuro...perché la storia che verrà rappresentata insegna e permette consigli da cogliere a volo e farli propri.

Poi la premiazione, cui non mancherà una buona dose di emotività, ed un gustoso fine serata con un incontro con le ebbrezze creative della raffinata cantina dell'Azienda Juzzolini.