Agorà
 

Castrovillari: si rinnova la devozione per i SS. Medici Cosma e Damiano

E' stato avviato lunedì 17 settembre, presso la Cappella Vigna, vicino al Polisportivo di Castrovillari, il programma delle celebrazioni in onore dei SS. Medici Cosma e Damiano, organizzato dall'omonima Associazione culturale con il patrocinio del Comune.

Lo rende noto il presidente dell' Associazione, Carmine Sancineto, ricordando che "questo prevede le cerimonie religiose in rito greco – bizantino- dalle ore 17- in collaborazione con il parroco degli italo – arbereshe di Castrovillari, Padre Marius Barbàt, oltre a momenti di festa. La messa solenne verrà celebrata il 26 settembre alle ore 18."

Gli eventi civili prevedono martedì 25, dalle ore 18,30, grazie al forno "Orlando" e al Centro Sociale Anziani "L'Amicizia", un momento di degustazione dal titolo "mangiamuni i vecchiaredde di Santi Medici"; invece, dalle ore 21,30 le performance musicali dei "Castrum Sound" per godere delle sonorità etno-popolari e coinvolgersi nei ritmi della tradizione, legati alla identità.

Mercoledì 26 settembre, dopo le estrazioni della riffa intorno alle ore 21,30, seguirà, alle ore 21,45, grazie al patrocinio della Regione Calabria-Assessorato al Turismo e Spettacolo- ed alla organizzazione dell'Agenzia Sinfony & Sinfony di Benedetto Castriota, il concerto Live della brava "Irene Fornaciari" in tour. Figlia del cantante Zucchero, inizia la carriera prendendo parte nel 1998 all'album Bluesugar del padre; partecipa al Festival di Sanremo nel 2010,2011,2012 e 2016. Diverse le collaborazioni con artisti, presenze a grandi eventi, in trasmissioni televisive e realizzazione di prodotti discografici.

La piccola chiesetta, poi, dove si celebra annualmente la ricorrenza, e oggi gli 83 dalla sua fondazione, fu realizzata da Antonio Vigna e dalla Moglie Rosalia Stabile nel 1935. Per continuare l'opera d'ampliamento della Cappella, nel 1986, l'indimenticabile Cosimo Vigna(di cui oggi si ricordano i 10 anni dalla scomparsa), storico corrispondente della Gazzetta del Sud, realizzò l'adeguamento in maniera tale che questo potesse accogliere più fedeli. Nel 1991 iniziarono le celebrazioni in rito greco – bizantino per volontà di un comitato italo - arbereshe e con l'approvazione dei Vescovi della Diocesi di Cassano allo Jonio e dell'Eparchia di Lungro.