Agorà
 

Laboratori, teatro e arte per la seconda giornata di Arts for equality a Rende

Con la proiezione di "Ibi" ed il seguitissimo laboratorio di cucina araba e senegalese ha aperto i battenti lo scorso giovedì a Rende "Arts for equality" che s'inserisce nella programmazione della settimana europea contro il razzismo.
Fitto il carnet di appuntamenti del 23 marzo: si parte alle 16,30 con il laboratorio di letture interculturali di Teca Srl che prevede un approccio multimediale alla narrazione grazie al supporto audio e video.
Indirizzato ai bambini dai dieci ai diciassette anni, "il servizio -ha dichiarato Marina Pasqua- proporrà alcune opere provenienti da diverse culture e tradizioni scritte del mondo ed è frutto di una selezione avvenuta grazie all'apporto sinergico dei partners del progetto. Per le letture si alterneranno abitanti residenti e migranti provenienti dall'Africa, dalle Americhe, dall'Europa e dall'Asia. Sarà inoltre possibile assistere durante il laboratorio alla performance calligrafica dell'artista Said.".
Mediante uno schermo saranno visualizzate le letture live, con la proiezione del testo anche in lingua con testo italiano a fronte alternate ad immagini con sottofondo musicale.
La giornata proseguirà con la sfilata di costumi tradizionali arabi, senegalesi e nigeriani e l'esposizione di arte migrante. Durante le attività sarà possibile partecipare alla cerimonia araba del tè.
Infine i migranti del CAS di Arcavacata saranno protagonisti della commedia teatrale "Indovina SE viene a cena".


"Crediamo che condividere momenti come questi -ha concluso l'assessora- per la nostra città sia necessario per costruire una società tollerante e accogliente. Bisogna promuovere politiche che concorrano ad abbattere pregiudizi e stereotipi. Arts for equality è sicuramente una goccia nel mare, ma necessaria per sconfiggere il razzismo imperante.".