Agorà
 

Ecco il giallo “L'intrigo-guanti puri e senza macchia” ambientato in Calabria

La politica dell'immigrazione e la finta solidarietà; l'amore tra due donne che supera qualsiasi pregiudizio; gli attacchi alla Massoneria e l'esoterismo. Sono alcuni dei temi su cui si basa il nuovo giallo L'intrigo – guanti puri e senza macchia scritto dal salentino Cesario Picca in collaborazione con l'avvocatessa calabrese Doriana De Simone. Seppur ancorato alla fantasia, il thriller L'intrigo – guanti puri e senza macchia – ambientato in Calabria – resta quanto mai attuale ed entra a gamba tesa nell'acceso dibattito di questi giorni. Essendo impregnato di esoterismo, il thriller è disponibile su tutti gli store on line proprio dal 21 giugno, giorno del Solstizio d'estate.

Correndo dietro una sorta di filo rosso, il cronista salentino Rosario Saru Santacroce, già protagonista di altre avventure gialle, giunge in Calabria per seguire le indagini su un sospetto incidente stradale in cui ha perso la vita un noto banchiere. Accertamento dopo accertamento, il lavoro investigativo di una pm in prima linea e di una super poliziotta, compagne di vita e di lavoro, svelerà l'intrigo che si cela dietro a quel sinistro mortalmente legato agli attacchi alla Massoneria e intrecciato con il vorticoso giro d'affari che supporta la presunta solidarietà nell'accoglienza dei migranti. Un fiume di denaro – su cui ha steso i propri tentacoli la criminalità organizzata – che può costare la morte a chi tenta di bloccarlo. Uno scempio di risorse pubbliche che conduce sì al paradiso, ma non a quello a cui tanti anelano al termine di questo pellegrinaggio terreno bensì a quello fiscale in cui nasconde i denari chi specula sulla disperazione di chi fugge dalla propria terra.

L'intrigo – guanti puri e senza macchia è il quinto thriller scritto da Cesario Picca che per 25 anni si è occupato di cronaca nera e giudiziaria nel Salento prima di approdare a Bologna dove ha lavorato per un quotidiano locale e collaborato con un'agenzia di stampa nazionale. Nel 2002 è stato insignito del Premio cronista dell'anno 'Piero Passetti'. Prima de L'intrigo l'autore salentino ha scritto il saggio giuridico Senza bavaglio - l'evoluzione del concetto di libertà di stampa; Tremiti di paura, ambientato alle isole Tremiti e incentrato su un femminicidio; Gioco mortale – delitto nel mondo della trasgressione che svela i segreti della licenziosità in salsa bolognese; Il dio danzante – delitto nel Salento che rende difficile fare i conti con le proprie certezze; Vite spezzate, giallo psicologico ambientato a Londra, dedicato alle vittime di abusi e ispirato dalla serie tv Criminal Minds.